Dinamo contro 'corazzata' Milano

Da sfida impari, Davide contro Golia, a superclassico dei piani alti della Serie A di Legabasket, da partita a pronostico chiuso a match di cartello tra due indiscusse big del basket italiano. Domenica 16 al PalaSerradimigni, alle 17, arriva la prima della classe. La Dinamo Sassari Bando di Sardegna ospita la A/X Armani Exchange Olimpia Milano, in cima alla classifica e ancora imbattuta. La squadra di Vincenzo Esposito arriva all'appuntamento in buonissime condizioni psico-fisiche. Al di là dello stato di forma attuale ai biancoblù non mancano certo le motivazioni: quella contro Milano non è mai stata per Sassari una partita banale, e anche quando il Banco non era ancora nel gotha della pallacanestro nazionale il confronto con le "scarpette rosse" ha sempre riservato piacevoli sorprese e qualche piccola soddisfazione. Per Natale la Dinamo spera di regalarsi una vittoria. Un successo sarebbe fondamentale nella rincorsa ai primi otto posti in classifica, che alla fine del girone d'andata varranno l'accesso alle Final Eight di Coppa Italia. "Milano non ha bisogno di presentazioni, è stata costruita per fare bene in campionato e in Eurolega e sappiamo che campionato sta disputando", dice con la solita franchezza coach Esposito. "Dobbiamo giocare al massimo, veniamo da un momento discreto ed entreremo in campo con la volontà di restare attaccati alla partita - aggiunge - poi tireremo le somme". Sulla 'corazzata' milanese, Esposito è chiaro: "È una squadra lunga, fisica e con grande talento". Ma nessuno di questo è un motivo valido per partire sconfitti. "Abbiamo dimostrato nei nostri momenti migliori di potercela giocare con tutti - spiega l'allenatore di Sassari - non sarà facile, Milano punisce i minimi sbandamenti, perciò la fase difensiva sarà molto importante". (ANSA).

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Olbianova
  2. Sardegna News
  3. GalluraOggi
  4. GalluraOggi
  5. Sardegna News

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Badesi

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...