Sanità, Giustini a muso duro con Toma e Mazzuto: basta polemiche politiche, in Molise è emergenza

Il commissario ad acta per la sanità, parlando a un convegno a Roma, è ritornato sulla necessità di chiamare al lavoro medici militari, in pensione, liberi professionisti, per evitare il blocco dell'assistenza e la chiusura di reparti CAMPOBASSO. Emergenza negli ospedali del Molise, sulla carenza dei medici e sulle soluzioni che si stanno cercano per evitare la chiusura di reparti , il commissario ad acta della sanità Angelo Giustini non le manda a dire. E si rivolge a muso duro al governatore Donato Toma e all'assessore regionale Luigi Mazzuto : "Che avete detto al di là delle polemiche politiche ? Guardate in che realtà emergenziale siamo". Parole pronunciate a margine di un convegno, organizzato a Roma dal network Presa. "Sui medici militari preferisco non rilasciare ulteriori informazioni, oltre a quelle rilasciate dalla ministra Elisabetta Trenta " ha detto Giustini - ma tutte le opzioni rimangono aperte: non sono solo i medici militari, abbiamo chiesto i medici in quiescenza, le società esternalizzate in ambito di servizi sanitari, i liberi professionisti". In Molise, ha rimarcato ancora il commissario, l'emergenza medici c'era e rimane sotto gli occhi di tutti. E riguarda in particolare gli specialisti. L'allarme è stato lanciato, e poi rientrato, per l'ortopedia ma la carenza coinvole anche pediatri, ginecologi, anestesisti, medici di Pronto soccorso. "Tutto è nato " ha precisato Giustini - perché i primari hanno messo nero su bianco al direttore generale che non ce la facevano più: in effetti sono tre persone rimaste per tenere in piedi un reparto. Tanto a Termoli che a Isernia. Essendo commissario mi è stato chiesto di fare qualcosa, anche l'opzione medici tutti civili e militari andava bene. Situazione condivisa da me e dall'attuale presidente della Regione, Toma, che poi invece ha fatto il voltafaccia, ma a noi non interessa, perché l'emergenza c'era e rimane sotto gli occhi di tutti. Chi ci aiuta ci aiuta". "Grazie alla ministra Grillo " ha aggiunto ancora il commissario - che ha dato un ottimo contributo e ha finalmente aperto alla possibilità di non chiudere i reparti di Isernia e di Termoli perché si è mossa la Asl di Andria, che ha mandato ortopedici. Il problema della carenza " ha concluso Giustini - è nazionale, è più acuito in Molise, come in Calabria. Mi dà addosso un certo tipo di politica, perché non amano i commissari, ma non ci posso fare nulla". Unisciti al gruppo Whatsapp di isNews per restare aggiornato in tempo reale su tutte le notizie del nostro quotidiano online: salva il numero 3288234063, invia ISCRIVIMI e metti "mi piace" al nostro gruppo ufficiale Leggi tutta la notizia

Categoria: CRONACA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Isernia News
  2. AltoMolise
  3. AltoMolise
  4. CBLive
  5. TV7

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Nel frattempo, in altre città d'Italia...