Crollo torre chiesa Accumoli, processo

Si è aperto stamani, davanti al giudice monocratico del tribunale di Rieti Riccardo Porro, il processo di primo grado a carico di 7 tra tecnici e amministratori, per il crollo della torre campanaria di Accumoli (Rieti), in seguito al sisma del 24 agosto 2016, che non lasciò scampo a un'intera famiglia, moglie, marito e due bambini piccoli. Secondo la ricostruzione compiuta nel corso delle indagini, coordinate dai pm Francia e Maruotti della procura di Rieti, la vela campanaria della chiesa dei Santi Pietro e Lorenzo piombò sul tetto dell'adiacente edificio comunale sfondando la copertura della casa canonica e due solai dell'abitazione sottostante occupata in affitto da Andrea Tuccio e sua moglie Graziella Torroni, 34enni, e dai loro bambini, Stefano di 8 anni e Riccardo di 9 mesi. A far crollare la torre fu la scossa di terremoto di magnitudo 6.0, che ad Accumoli ebbe il suo epicentro, ma anche le debolezze strutturali dell'antico manufatto e i danni che aveva subito dopo il sisma de L'Aquila del 2009.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. NewTuscia
  2. Orvieto si
  3. Occhio Viterbese
  4. Occhio Viterbese
  5. Occhio Viterbese

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Bassano in Teverina

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...