SCEGLI DATA
FILTRA PER FILTRA PER

I Malavoglia

I Malavoglia

Con Enrico Guarneri
Rielaborazione drammaturgica Micaela Miano
Regia Guglielmo Ferro
Produzione Progetto Teatrando

I MALAVOGLIA, che la società Progetto Teatrando produce per la stagione 2017-2018, rientra nella missione culturale che la società si è posta negli ultimi, con il preciso target di inserirsi nel mercato teatrale italiano con un progetto drammaturgico che mira all’approfondimento della letteratura siciliana, e verghiana nello specifico.

Dopo il Mastro don Gesualdo, la messinscena de I Malavoglia è la seconda tappa della trasposizione teatrale dei romanzi del ciclo dei Vinti di Giovanni Verga. La riduzione di Micaela Miano centra il racconto sugli eventi più significativi che segnarono la vita della Famiglia Toscano di Acitrezza, lì dove, più di ogni altro passaggio narrativo, Verga punta a violentare ogni speranza di emancipazione dei suoi personaggi.

Il cinismo di quello che passa alla storia come l’ideale dell’ostrica verghiano assume ne I Malavoglia, più del mastro Don Gesualdo, i toni di un’oscura fatalità, di un imponderabile ancestrale e indomito. E in questa visione la riscrittura teatrale pone al centro dell’azione drammaturgica la Natura. Scandendo lo spettacolo nei passaggi narrativi delle tempeste, delle morti in mare: la tempesta dove si perde il carico dei Lupini e muore Bastianazzo, la morte di Luca su una nave in guerra, la tempesta dove Padron ‘Ntoni si ferisce ed è poi costretto a vendere la Provvidenza.

In questo impianto narrativo si inseriscono le vicissitudini di ‘Ntoni, nipote di Padron ‘Ntoni, uno dei personaggi descritti da Verga per raccontare un altro tipo di violenza, quella sociale, di quella società cittadina aliena al mondo marinaro de I Malavoglia.

L’impianto scenografico dello spettacolo rimodula l’iconografia del periodo come nel poetico bianco-nero de La Terra Trema di Luchino Visconti. Il patriarca Padron ‘Ntoni, protagonista verghiano che fa della famiglia e del senso del dovere i suoi fondamenti di vita, è interpretato da Enrico Guarneri, attore che ha magistralmente conquistato il favore di un vasto pubblico. Guarneri, dotato di una innata vis comica e tecnicamente assurto al ruolo di attore poliedrico, si è dimostrato, nel corso di questi anni, capace di passare dal registro drammatico a quello grottesco con grande maestria interpretando molti dei personaggi che hanno fatto la storia della drammaturgia teatrale siciliana ed europea.

Enrico Guarneri è dotato quindi tutte le qualità fisiche ed interpretative necessarie a incarnare perfettamente Padron ‘NToni ne I Malavoglia, il saggio popolare, austero, caparbio, che ha l’unico dovere di ripagare un debito, assicurare da mangiare alla propria famiglia e contrastare il fato avverso con tutte le forze che ha in corpo.

La messinscena dello spettacolo è affidata al regista Guglielmo Ferro, figlio di Turi Ferro protagonista de I Malavoglia la prima volta nel 1982, che, da anni, si dedica alla drammaturgia contemporanea adottando una tecnica registica di respiro europeo. La sua profonda conoscenza del teatro contemporaneo, il gusto minimalista e moderno delle sue messinscene sono indispensabili per un’operazione culturale che mira, nel rispetto assoluto del valore storico-letterario del testo verghiano, ad una trasposizione più attuale de I Malavoglia.

Le date
dal 16 al 18 febbraio Bologna, Teatro Duse

Per maggiori informazioni

Attenzione, l'evento che stai visualizzando è scaduto

Ti potrebbero interessare

Nel frattempo, in altre città d'Italia...

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963