Commissione Aias, superare convenzione

Superare l'attuale sistema di convenzione Regione-Aias. E' quanto prevede una risoluzione votata all'unanimità dalla commissione speciale istituita poco più di tre mesi fa in Consiglio regionale proprio per far luce sullo stato di insolvenza economica dell'associazione nei confronti di circa 1200 lavoratori che oggi hanno nuovamente protestato davanti al Consiglio e che vantano dodici stipendi arretrati. Il parlamentino presieduto da Gianfranco Ganau (Pd) dà mandato alla Giunta "affinché sia immediatamente dato seguito ad ogni possibile soluzione che garantisca il superamento dello status quo, dando garanzia di continuità delle prestazioni assistenziali e di tutti i livelli occupazionali". In particolare, la commissione chiede che "l'assessorato valuti la sostenibilità della convenzione". E questo soprattutto "a fronte degli accertamenti svolti e della situazione debitoria di Aias, sottoposta peraltro da una mole di pignoramenti che non consentono nemmeno la liquidazione delle fatture mensili". Pende, infatti, sull'Aias la richiesta di fallimento avanzata dalla Procura di Cagliari per i debiti accumulati dall'azienda nei confronti dei dipendenti. Nelle conclusioni indicate nella risoluzione, c'è scritto ancora che "la commissione non ritiene ammissibile il ritardo nel pagamento degli stipendi da parte di un'associazione che convenzionata con la pubblica amministrazione e che negli ultimi cinque anni ha ricevuto dalla Regione pagamenti per oltre 107 milioni di euro, a fronte di un credito residuo accertato di 1,6 milioni". Adesso, ha chiarito Ganau al termine della seduta, "visto il blocco di Sas domos, spetterà all'assessore trovare altre soluzioni". La risoluzione dovrebbe approdare giovedì per essere discussa e votata in Consiglio regionale. "Siamo soddisfatti perché la commissione ha terminato il suo lavoro nei tempi dati". Le sedute sono state cinque in totale.(ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Cagliari

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...