Sindacati: 500 trentini a Roma per manifestazione nazionale

"Al di là dell'ottimismo del nostro premier Conte, la situazione del Paese è preoccupante. Serve una cura decisa, che passa necessariamente per investimenti in sviluppo e conoscenza, serie politiche industriali. Solo così si può sostenere la crescita e creare lavoro". Lo hanno ribadito i segretari trentini di Cgil, Cisl e Uil, Franco Ianeselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti, a Roma con 500 trentini per la manifestazione nazionale dei sindacati. "Non è certo con misure assistenzialistiche - hanno aggiunto - come il reddito di cittadinanza, almeno per come è costruito, che si risolve il problema dell'occupazione e, purtroppo, neanche quello della povertà". I sindacati hanno chiesto anche un cambio di rotta su fisco e pensioni. La politica fiscale, sostengono, "è iniqua e rinuncia contrastare in maniera efficace l'evasione". Sulle pensioni quota 100, "è un provvedimento una tantum che dà risposte solo a una fascia di gente, per tre anni, senza affrontare una vera riforma previdenziale" hanno ribadito. (ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

Notizie più lette

  1. La Voce del trentino
  2. L'Adige
  3. L'Adige
  4. L'Adige

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Calceranica al Lago

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...