SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Zombieland - Doppio colpo

  • Uscita:
  • Regia: Ruben Fleischer
  • Cast: Emma Stone, Woody Harrelson, Jesse Eisenberg, Abigail Breslin, Dan Aykroyd, Zoey Deutch, Bill Murray, Avan Jogia
  • Prodotto nel: 2019 da GAVIN POLONE PER COLUMBIA PICTURES
  • Distribuito da: WARNER BROS. ITALIA

Film non più disponibile nelle sale

TRAMA

Columbus, Tallahassee, Wichita e Little Rock si spostano nel cuore degli Stati Uniti mentre affrontano zombi evoluti e rincorntrano compagni sopravvissuti...

Dalla critica

  • Cinematografo

    Il primo Benvenuti a Zombieland (2009) era una fresca variazione sul tema zombie, con un cast che allora, sebbene non ancora di rilievo, prometteva molto bene e autoironico abbastanza da non prendersi troppo sul serio. C’erano Jesse Eisenberg prima di The Social Network , Woody Harrelson prima di True Detective e Emma Stone prima di Birdman , The Amazing Spider-Man e La La land . Lo stesso team, oggi dream team per qualsivoglia produzione, torna con Zombieland – Doppio colpo , dal Ruben Fleischer che, nel frattempo, si è fatto notare solo in negativo per la regia di Venom , clone, anzi, simbionte stantio del filone supereroistico. È nel DNA di questo sequel, dunque, riproporre una formula vincente dieci anni dopo, in un contesto che, seppur invariato, ha visto sorgere (nel 2010) e tramontare (recentemente, senza ancora concludersi) il fenomeno The Walking Dead . Piacevole quindi l’effetto rimpatriata : ritroviamo a schermo tre attori cresciuti e maturati, divenuti ormai giganti nel proprio settore, con la sola eccezione di Abigail Breslin che, infatti, la trama non esita a mettere in secondo piano per buona parte del film. Eppure, esattamente come in una rimpatriata tardiva, l’allegria è smorzata da un percepibile imbarazzo, lo stridere di un meccanismo inceppato, o magari invecchiato e arrugginito. Zombieland – Doppio colpo fa sorridere, ma non è all’altezza del suo predecessore e, benché si impegni a imitarlo in tutto e per tutto (azione grottesca, voce narrante, didascalie a schermo), gli manca la qualità più importante: la spontaneità. Forse, fosse arrivato con un paio d’anni in anticipo, in concomitanza con l’apice e successiva discesa dello zombie movie, o il prossimo anno, sull’onda lunga del videogioco-evento The Last of Us Part II (altro sequel attesissimo dall’esordio nel 2013), avrebbe avuto un pizzico di carica satirica in più. Così, a pochi mesi dal simile (e migliore) I morti non muoiono , l’idea è poco più che piacevole e i suoi dieci anni di età si sentono tutti.

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Il paradiso probabilmente

  • Uscita:
  • Regia: Elia Suleiman
  • Cast: Ali Suliman, Elia Suleiman, Holden Wong, François...

Viaggio in diverse località trovando parallelismi inaspettati con la Palestina.

Nel frattempo, in altre città d'Italia...

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963