Gavoi

Carnevale sardo, ponte Londra-Barbagia

Sei giovani artisti britannici, selezionati per il progetto Flamin Fellowship - la scuola di alta formazione per filmaker - promosso da Film London, sono giunti sull'isola per esplorare la cultura e le tradizioni sarde, in particolare il carnevale barbaricino. Dopo un primo contatto nel gennaio scorso con i Fuochi di Sant'Antonio a Mamoiada, dal 27 febbraio i sei giovani filmaker - Graeme Arnfield, Calum Bowden, Rosie Carr, Callum Hill, Onyeka Igwe e Kristina Pulejkova -, sono partiti alla scoperta dei carnevali di Lula, Gavoi, Ovodda, Orotelli, Ottana, Orani e Bosa, un percorso che racconteranno attraverso il linguaggio, le arti visive e il cinema. L'attività, che durerà fino al 16 marzo, è stata coordinata dalla Fondazione Sardegna Film Commission e dal Man di Nuoro ed è utile per promuovere la Sardegna come destinazione ideale per la ricerca e la produzione artistica e per creare momenti di scambio con artisti residenti nel territorio e con le comunità che lo abitano. "Crediamo fortemente alla sfida lanciata - afferma Nevina Satta, direttrice della Sardegna Film Commission - La Sardegna è terra di ricerca e produzione, luogo magico capace di ispirare il lavoro degli artisti. Abbiamo rinnovato la collaborazione con il Museo Man affiancando in autunno l'artista franco-ivoriano François-Xavier Gbré, ora, questa esperienza induce ben sei nuovi sguardi a sostenere il racconto della tradizione più celebrata e nota, quella del Carnevale di Barbagia, grazie alla partnership già in corso con la film commission di Londra". Una visione condivisa anche da Luigi Fassi, direttore del Museo Man: "La partnership del Man con Sardegna Film Commission e Film London - spiega Fassi - finalizzata a ospitare e supportare a Nuoro la residenza di sei artisti britannici, è l'avvio di un progetto internazionale a lungo termine che rientra nelle intenzioni del Man per rafforzare il proprio ruolo istituzionale di accompagnamento al lavoro degli artisti. Processi di internazionalizzazione mediante che hanno un ruolo crescente nell'attuale attività del Man e questa partnership è un modello di lavoro esemplare di tale volontà operativa", conclude Fassi.(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie