SCEGLI DATA
FILTRA PER FILTRA PER

Mostra "La memoria della guerra. L’opera di Antonio Giuseppe Santagata"

A Palazzo Reale di Genova arrivano le opere di Giuseppe Santagata sul conflitto bellico del Novecento

Dal 19 aprile all'8 settembre 2019, il Palazzo Reale di Genova ospita, nei locali del Teatro del Falcone, la grande mostra "La memoria della guerra. L’opera di Antonio Giuseppe Santagata all’interno della pittura murale italiana del novecento".

 

La rassegna, partendo dalla diretta partecipazione dell’artista genovese al conflitto bellico, è ispirata al tema della memoria, come ricordo del terribile conflitto che suscita sentimenti di sgomento e terrore. I visitatori sperimenteranno un percorso espositivo costruito intorno ad un nucleo di cartoni di Santagata e opere provenienti dalla Wolfsoniana-Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, dal Museo del Risorgimento di Genova e da diverse collezioni private.

 

Santagata interpreta la guerra abbandonando la retorica per avvicinarsi alla vita quotidiana dei fanti al fronte. La sua opera rimane tutt’oggi una testimonianza di elevato profilo storico ed è considerata tra le principali fonti della grande stagione murale, che contrassegnò la ricerca artistica italiana tra le due guerre. Sono diversi, infatti, i murali affrescati dall’artista nelle Case del Mutilato, realizzate in tutta Italia. Grazie alla sua complessità la mostra "La memoria della guerra" può offrire ampi spunti di riflessione e interesse per tutti rivelando aspetti sconosciuti che hanno ispirato tecniche di diversi artisti del ‘900.

Per maggiori informazioni

ORARI E PREZZI
  • 2.00 € - Ridotto
  • 0gratuito Under 18
  • 6.00 € - Intero
  • 09:00 - 14:00
Orari e prezzi potrebbero cambiare a seconda dei giorni. Controllali sul calendario.

Ti potrebbero interessare

Vuoi andare al cinema?

Genitori Quasi Perfetti

  • Uscita:
  • Regia: Laura Chiossone
  • Cast: Anna Foglietta, Nicolò Costa, Paolo Calabresi,...

Simona è una mamma single quarantenne legata da un amore profondo al suo bambino, Filippo. Si sente però terribilmente...

Nel frattempo, in altre città d'Italia...