Urla 'Vi brucio vivi' e apre gas in casa

Un padre afflitto da tossicodipendenza da cocaina, a Milano, ha prima minacciato il figlio e la madre, e poi, quando questi sono scappati, ha aperto il gas rischiando di far saltare l'appartamento. Sono stati i carabinieri, chiamati dal ragazzo, a salire in casa, sentire l'odore di gas e a chiudere i rubinetti in tempo. Si tratta di un 43enne con precedenti, che intorno alle 19 ha litigato con il 13enne pretendendo che gli consegnasse i regali di Natale probabilmente per andare a venderli e ricavare il necessario per la droga. Al rifiuto del ragazzo ne è nata una lite che sulle prime, dopo un po', è terminata. Ma intorno all'1 di notte ha dato nuovamente in escandescenza, buttando tutto all'aria e urlando "stasera vi ammazzo, la facciamo finita una volta per tutte, vi brucio vivi". Quando i carabinieri del Radiomobile sono arrivati hanno bloccato lui, che era in bagno a farsi una doccia, mentre i rubinetti della cucina irroravano gas. L'uomo è stato arrestato per maltrattamenti in famiglia.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. VareseNews
  2. VareseNews
  3. SetteGiorni
  4. La Provincia di Como
  5. VareseNews

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Gerenzano

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...