Protesta olivicoltori,settore a rischio

Hanno protestato dando vita ad un corteo con centinaia di trattori, gli olivicoltori calabresi scesi in piazza a Lamezia Terme, in contemporanea con la mobilitazione nazionale della categoria, per lamentare le difficoltà del settore allo stremo a causa della caduta verticale del prezzo dell'olio. Sono giunti da tutta la regione rispondendo all'appello di Agrinsieme Calabria per evidenziare che "la situazione è ormai diventata - ha detto uno dei manifestanti - non più sostenibile con il prezzo al litro del prodotto a meno di 3 euro". Sotto le bandiere di Confagricoltura, Copagri, Cia e Agci, gli olivicoltori (la Calabria è la seconda produttrice in Italia), hanno formato un corteo che si è mosso fino al quartiere S.Eufemia dove si è svolto un sit-in e dove sono state ribadite le richieste: tra tutte l'approvazione di una legge che "tuteli il settore e metta fine alla speculazione, all'ingresso e alla commercializzazione di olio d'oliva straniero venduto come Made in Italy".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Lamezia Informa
  2. ANSA
  3. Il Lamentino
  4. Lamezia Click
  5. Lamezia Click

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Lamezia Terme

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...

    © Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963