Campione d'Italia, l'enclave abbandona l'Autorità di bacino del Ceresio

Campione d'Italia fuori dall'Autorità di bacino del Ceresio. La decisione è stata presa dal commissario prefettizio Giorgio Zanzi per gestire in futuro, in modo autonomo e diretto, i fondi ricavati dal demanio lacuale. Sin dalla fondazione, nel 2005, l'Autorità di bacino del Ceresio, che comprende anche i laghi del Piano e di Ghirla, ha sempre avuto sede nell'enclave. Zanzi ha deciso di uscire dall'Autorità a partire dal 2020. "Sono molto dispiaciuto e farò di tutto affinché Campione cambi idea - dice Massimo Mastromarino, sindaco di Lavena Ponte Tresa e presidente dell'Autorità - l'enclave è strategica per le nostre politiche di sviluppo. Credo che alla base della scelta del commissario vi sia un equivoco: i fondi ricavati dal demanio sono vincolati, non possono essere utilizzati per coprire debiti. E poi mi chiedo: con quale personale gestiranno una partita così complessa?". Leggi tutta la notizia

Categoria: ECONOMIA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Espansione TV
  2. Corriere di Como
  3. Corriere di Como
  4. Corriere di Como
  5. Espansione TV

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Lanzo d'Intelvi

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...