Lecco

"Lettera agli Ebrei" lasciata per terra

A due giorni dal gesto che ha sollevato l'indignazione generale davanti al complesso conventuale del Lavello di Calolziocorte (Lecco), dove è stata stracciata e gettata a terra una copia de "La Lettera agli Ebrei", nessuna delle autorità locali ha disposto il recupero dei brandelli della pubblicazione, rimasti nel fango. Nonostante la mobilitazione generale nell'imminenza della "Giornata della Memoria" oggi il libro strappato era ancora a terra e solo un passante ha fatto sì che - pur ormai distrutto - venisse tolto dal fango. "La Lettera agli Ebrei" di San Paolo è un libro del nuovo Testamento, ma il titolo avrebbe indotto a compiere l'atto di spregio contro le vittime della Shoah. I rappresentanti del Comune di Calolziocorte ieri avevano anche sensibilizzato gli studenti delle scuole medie, sottolineando la gravità dell'accaduto e ammonendoli a non sottovalutare simili gesti, ma nessuno si è preoccupato di recuperare la pubblicazione distrutta.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963