Riuso patrimonio religioso dismesso

Il patrimonio culturale religioso è la categoria più frequente dei siti Unesco; esso si configura come un segno che caratterizza fortemente il paesaggio urbano ed extraurbano: "Se abbandonato si degrada, determinando un danno su molteplici piani a causa dei costi di manutenzione e gestione sempre più elevati, della minore capacità attrattiva alla localizzazione di attività e persone, e degli altri impatti negativi in molteplici dimensioni". Giovedì 7 novembre, a Napoli, se ne parlerà in un convegno internazionale in programma nella sede dell'Iriss-Cnr (diretto da Alfonso Morvillo) in via Guglielmo Sanfelice, 8. Le assise, rilevano gli organizzatori, intendono analizzare i valori tangibili e intangibili del patrimonio culturale religioso, nonché le caratteristiche degli impatti determinati dalle proposte di riuso funzionale delle singole tipologie di patrimonio dismesso (chiese, monasteri, abbazie)". "Occorre ricercare i valori di uso più coerenti con il 'valore intrinseco' del patrimonio stesso".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. 100x100Napoli
  2. Il Mattino
  3. Il Mattino
  4. Il Mattino
  5. Casa Napoli

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Napoli

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...

      © Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963