Gettò a terra figlia neonata, arrestato

Un ambulante senegalese di 42 anni è stato arrestato dalla Squadra mobile della Questura di Oristano per il tentato omicidio aggravato della figlia di appena 45 giorni e per maltrattamenti nei confronti della moglie di 36 anni. I fatti sono avvenuti a Oristano poco più di un mese fa nell'abitazione della coppia, nel corso dell'ennesima lite con la moglie per questioni di soldi che lui le chiedeva per giocare alle slot machine e per ubriacarsi. La donna era stata picchiata e costretta a consegnare al marito la bimba. Presa in braccio, la piccola era stata poi gettata con forza sul pavimento, rischiando di morire. "Se avesse battuto la testa - ha spiegato il dirigente della Mobile Samuele Cabizzosu riassumendo gli esiti della perizia disposta dalla Procura - la neonata non sarebbe sopravvissuta. Fortunatamente ha riportato solo ferite lievi, come diagnosticato al Pronto soccorso". Dopo l'allarme dei vicini di casa, era intervenuta una pattuglia della Volante e la reazione dell'uomo aveva fatto scattare l'arresto per resistenza a pubblico ufficiale. Solo le indagini successive, avviate d'iniziativa dal dirigente della Squadra Mobile, hanno consentito di accertare cosa era veramente successo. Decisiva la testimonianza della moglie e della cognata. Il provvedimento di custodia cautelare disposto dal Gip del Tribunale di Oristano è stato notificato all'uomo nel carcere di Massama, dove sta scontando la condanna per direttissima a 13 mesi per resistenza e dove la moglie è andata a trovarlo nelle scorse settimane sollecitandone anche la liberazione nonostante i maltrattamenti subiti, come è emerso dalle indagini, fossero praticamente giornalieri. In una occasione le aveva anche lanciato una bottiglia di vetro sul viso, procurandole una vistosa cicatrice che potrebbe segnarla per sempre. (ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Norbello

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...