Cuffaro,mai posti Ars in cambio di voti

"Mi è stato notificato per conto della Procura di Termini Imerese un atto di chiusura delle indagini dove mi si contesta di 'aver promesso un posto di lavoro all'Ars' in cambio di voti. Ho sempre avuto ed ho grande fiducia nella Giustizia e rispetto per il lavoro dei Pm e se sono nella lista insieme ad altri 96 indagati un motivo ci sarà". Lo dice l'ex presidente della Regione Totò Cuffaro. "Appena avrò le carte che mi riguardano le studierò e mi adopererò con i miei avvocati per chiarire questa vicenda che mi viene attribuita. So che è reato promettere posti di lavoro in cambio di voti e so di non aver promesso nessun posto di lavoro all'Ars e so anche di non avere nessun potere, o ruolo (essendo un semplice cittadino senza alcun incarico) e nessuna possibilità di mantenere simili promesse". "Sono certo di poter chiarire, quanto prima, la mia innocenza rispetto ai fatti che mi si contestano", conclude Cuffaro.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Palermo

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...