Parabiago

Greenpeace protesta davanti a Nestlé

Una decina di attivisti di Greenpeace questa mattina intorno alle 8.30 si è incatenata davanti all'ingresso della fabbrica di imbottigliamento di Nestlé/San Pellegrino di Ruspino, nel Bergamasco. I lavoratori possono entrare e uscire dalla fabbrica, ma gli attivisti stanno impedendo l'accesso dei camion all'interno dello stabilimento. Mentre un gruppo si disponeva all'ingresso con bidoni verdi etichettati con il famoso brand, quattro 'climber', appendendosi a due silos della fabbrica, hanno aperto due grandi striscioni: uno con scritto "Nestlé, Basta Plastica Usa e Getta" e l'altro raffigurante il "Plastic Monster", il mostro simbolico creato da Greenpeace per rappresentare il danno che la produzione di plastica produce al Pianeta.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie