Pavia

Segre: togliamo l'odio dalle nostre vite

"Per 45 anni non sono riuscita a parlare della terribile esperienza che avevo vissuto nel lager. Ho deciso di farlo dopo che ero diventata nonna: qualcosa si è sciolto in me e mi sono resa conto che era un mio dovere testimoniare, raccontando ai giovani le orribili sofferenze vissute e viste nel lager". Lo ha ricordato Liliana Segre a Pavia, dove le è stata consegnata la civica benemerenza della città. "Nel lager ho subito le botte, ho sentito l'odore della carne bruciata. Non dimentico quanto è successo, non ho perdonato, ma non odio. E, soprattutto quando si parla ai ragazzi, non si può farlo con odio. Dobbiamo impegnarci tutti a cancellare l'odio dalle nostre vite. L'odio nasce in ogni situazione, anche nell' atteggiamento aggressivo di chi se la prende con un altro per un parcheggio sottratto o in circostanze ancora più banali. Quello è l'inizio, poi si rotola verso l'orrore. Se si imbocca la strada della violenza, anche verbale, non si sa mai dove si va a finire".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963