Perdaxius

Costruzioni,incentivi sostengono ripresa

Gli incentivi per il rinnovo sostengono il recupero edilizio in Sardegna: nel biennio 2016/17 i lavori incentivati - per un importo medio pari a circa 440 milioni di euro all'anno - hanno costituito oltre un terzo della spesa complessiva per la riqualificazione edilizia privata, quota che supera il 50% se riferito al solo segmento residenziale (ambito di applicazione principale degli incentivi). Dopo il modesto calo del rinnovo edilizio residenziale registrato lo scorso anno, il maggior dinamismo del 2019 fa ritenere che nel prosieguo dell'anno gli incentivi possano svolgere un ruolo più decisivo nel sostenere il mercato del rinnovo edilizio. Lo si evince da un report della Cna Sardegna che evidenzia come la finanziaria regionale 2019 abbia confermato una serie di importanti incentivi alle famiglie e alle imprese sarde per interventi di efficientamento energetico, restauro e risanamento del patrimonio immobiliare dell'isola. "Gli incentivi per il rinnovo, generico o finalizzato all'efficienza energetica, hanno nel tempo consolidato il proprio ruolo, fornendo uno stimolo fondamentale alla spesa per manutenzione del patrimonio edilizio esistente - commentano Francesco Porcu e Antonello Mascia, rispettivamente segretario regionale della Cna e presidente di Cna Costruzioni - a quelli previsti dalla legislazione nazionale si aggiungono e si possono sommare in Sardegna quelli previsti dalle nuove norme contenute nella legge di stabilità regionale 2019 che destina per le stesse finalità 25 mln di euro e che prevede un contributo fino a un massimo di 30mila euro (cumulabile con analoghi interventi statali) per unità immobiliare. Si tratta di un'occasione da non perdere per famiglie e imprese". Il report evidenzia come il ruolo strategico svolto dagli incentivi per il rilancio dell'edilizia emerga con evidenza dal relativo impatto occupazionale. Considerando che un investimento di 200mila euro in riqualificazione edilizia è in grado di assorbire due occupati diretti e uno nell'indotto, la ricerca stima che nel periodo 2016/17 il meccanismo di agevolazione abbia dato lavoro a circa 6800 occupati.(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie