Jovanotti, le 12 ore che hanno cambiato l'aeroporto di Milano

Linate, ore 21 Avevano preso il sole. A torso nudo, in costume. Reduci da cinque ore di rodaggio musicale in cui sul palco erano saliti in tanti. Ma reduci anche da un pellegrinaggio pacifico dopo aver mollato la macchina a chilometri di distanza o essere scesi dal mezzo pubblico di superficie. Sulle note di «Il più grande spettacolo dopo il Big Bang», il profeta Jovanotti è appena, ri,salito sul palco. Questa immagine che verrà tramandata ai posteri, racconta di una marea di gente spalmata sui pratoni dell'aeroporto di Linate. Una tribù che balla. Centomila persone secondo gli organizzatori, 75 mila secondo la questura. Comunque tantissimi. I più entusiasti giurano di essersi sentiti come a Coachella. È stata anche la prima grande notte mondana dell'aeroporto milanese. Che piaccia o no, Jovanotti è uno di quegli artisti che può dire di avere un suo popolo. E che sia comodo o meno, un grande show in un spazio pubblico riconvertito è una bella sfida da giocarsi ogni tanto. Chi c'era se ne ricorderà, e lo racconterà,. Leggi tutta la notizia

Categoria: CRONACA

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Portalbera

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...