Redavalle

Gip, rifiuto Jessica causò furia omicida

E' stata una "lucida volontà criminale" esplosa in "tutta la sua brutale violenza" per il "rifiuto" di Jessica Faoro di "intrattenere (...) i giochi erotici da lui pretesi" a "scatenare la furia omicida" di Alessandro Garlaschi il tranviere condannato in abbreviato all'ergastolo per aver ucciso con 85 coltellate e tentato di bruciare il corpo della ragazza di appena 19 anni nel suo appartamento, a Milano, il 7 febbraio 2018. Lo scrive il gup Alessandra Cecchelli nelle motivazioni della sentenza.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie