SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Cetto c'è, senzadubbiamente

  • Uscita:
  • Regia: Giulio Manfredonia
  • Cast: Antonio Albanese, Gianfelice Imparato, Caterina Shulha, Nicola Rignanese, Davide Giordano, Antonio Albanese
  • Prodotto nel: 2019 da MARIO GIANANI, LORENZO MIELI PER WILDSIDE, DOMENICO PROCACCI PER FANDANGO, VISION DISTRIBUTION
  • Distribuito da: VISION DISTRIBUTION

TRAMA

Un nuovo episodio legato a Cetto La Qualunque...

Dalla critica

  • Cinematografo

    Avevamo lasciato il Paese a rischio di legalità, con l’incertezza sull’esito delle elezioni, una telefonata per trasformare le schede bianche in quelle del partito giusto: il Pilu. Parola di Cetto (Antonio Albanese) e non uno Qualunque, allora calabrese latitante in Sudamerica per vari reati e richiamato in patria per difendere la sua Calabria dalla giustizia. Per fare Qualunquemente Albanese aveva attinto dalla realtà e seguito decine di comizi in tutta Italia, in cui si prometteva qualsiasi cosa per racimolare voti in più. Che le fogne avrebbero emesso buon odore, che l’eternit sarebbe sparito e le strade lasciate a metà sarebbero state costruite. Nove anni dopo, in Cetto c’è, senzadubbiamente , scritto sempre con Piero Guerrera e diretto da Giulio Manfredonia, distribuito da Vision dal 21 novembre, Cetto se ne sta buono buono in Germania, con i capelli coloro platino e un bel vestito verde con cravatta in tinta e ha abbondonato ogni ambizione politica. La sua catena di ristoranti e pizzerie spopola; ha una bella compagna tedesca e due suoceri neonazisti che lo guardano con la simpatia riservata ai migranti. Il richiamo della sua terra tuttavia resta forte e la notizia dell’aggravarsi delle condizioni dell’amata zia che lo ha cresciuto, lo induce a tornare a casa. In realtà la zietta, che morente non è, gli svela un segreto: il padre, che Cetto immaginava venditore di candeggina e il solo profumo glielo faceva tornare in mente con dolcezza, in realtà era un principe, un Buffo di Calabria. La somiglianza con l’ipotetico genitore è decisamente fortissima, Cetto si convince quasi subito, manipolato dall’abile Venanzio (Gianfelice Imparato), orchestratore di tutta la vicenda per fini personali. E incomincia a entrare nel ruolo: i vestiti regali, il regno delle due Calabrie (in… a Cavour), L’incoronazione agognata dal Papa. Il matrimonio con l’Infanta di Spagna, perché l’Italia ha bisogno di un sovrano, un presentimento? Qualche promessa in più (sarà sempre primavera, più pilu per tutti…) e il gioco è fatto. Con una stoccata alla piattaforma online per votare, ai festini che hanno fatto il giro del mondo e ai deliri di onnipotenza dei nostri politici italiani.  E una bella intuizione beffata dalla realtà.

In programmazione in questi cinema

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963