SCEGLI IL CINEMA
filtra per filtra per

Pupazzi alla riscossa - UglyDolls

  • Uscita:
  • Durata: 87min.
  • Regia: Kelly Asbury
  • Prodotto nel: 2019 da JANE HARTWELL, ROBERT RODRIGUEZ PER STX ENTERTAINMENT, ALIBABA PICTURES
  • Distribuito da: LUCKY RED
  • Tratto da: personaggi di David Horvath e Sun-min Kim

TRAMA

Moxy e i suoi amici pupazzi sono pronti a vivere una grande avventura. In un mondo fantasioso e ricco di colori uno strampalato gruppo di pupazzi, morbidi, soffici e felpati, dovrà affrontare con coraggio e determinazione la prova più importante della loro vita: trovare un bambino a cui dare il proprio amore. Per farlo dovranno sfidare il leader incontrastato dell'Accademia della Perfezione, il pupazzo Lou. Riusciranno i nostri eroici pupazzi nella loro impresa?

Dalla critica

  • Cinematografo

    Ogni volta che in un film d’animazione industriale si punta il dito contro la produzione industriale bisognerebbe sentire puzza di bruciato: Pupazzi alla riscossa – UglyDolls , film basato sulla serie di vendutissimi pupazzi di peluche (che sta per dar vita anche a una serie tv) su questa puzza si fonda. Con l’aggravante della spinta didattica e motivazionale: la protagonista del film è Moxy, pupazza abitante a Bruttopoli convinta che esista un mondo oltre il suo e che prima o poi un bambino la prenderà come sua bambola del cuore. Perciò s’imbarca con i suoi amici in un’avventura che la porterà a Perfezione, dove le bambole sono addestrate a non avere un difetto. Il prosieguo e la morale sono facilmente intuibili e già ampiamente sfruttati, ma la sceneggiatura di Alison Peck – su soggetto di Robert Rodriguez – sembra non interessarsene e punta a un’avventura pensata per il pubblico scolare, in cui ogni scena ha come suggello i motti “credi in te stesso” e “le differenze sono le nostre forze”. Ottimismo della fede contro pessimismo della ragione: tutto giusto e condivisibile, ovviamente. Il problema di UglyDolls è che manca la sostanza del cinema d’animazione, ossia il divertimento, il ritmo, l’avventura, le risate. C’è il paradosso di un film in cui il più grande spauracchio è il riciclo e che è formato da scarti di opere altrui (da Toy Story a Trolls ), ci sono le canzoni a ripetizione e tanti nuovi pupazzi da smerciare: c’è il marketing che supera ogni cosa, pronto per gli spot pubblicitari tra un episodio e l’altro appunto. Si salva un po’ il movimentato finale (anche qui, tutto derivato da Pixar), ma per gli adulti che accompagneranno i più piccoli al cinema sarà difficile arrivare fino alla fine, col dubbio aggiuntivo che nemmeno i figli si saranno poi divertiti tanto. Ma finché compreranno pupazzetti e gadget, a nessuno importerà poi troppo.

In programmazione in questi cinema

Cosa vuoi fare?

Idee per il tempo libero

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Altri film nei dintorni

Nel frattempo, in altre città d'Italia...

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963