Fa tappa a Torino 'Una vita da social'

I reati legati al web, dall'adescamento alla pedopornografia al cyberbullismo al sexting alla web reputation, sono aumentati. Dai 104 casi registrati nel 2016 si è passati ai 177 nel 2017 e ai 208 del 2018. Le vittime hanno quasi tutte un'età compresa tra i 14 e i 17 anni. I dati sono stati resi noti in occasione dell'arrivo a Torino di 'Una vita da social', la campagna itinerante della polizia di Stato per sensibilizzare giovani e giovanissimi a un uso consapevole della rete. In piazza Castello è presente il truck della polizia, con aula didattica multimediale. "Internet - spiega la dirigente della polizia postale di Torino, Fabiola Silvestri - non è un'altra dimensione. Non c'è una vita reale e una vita sul web: è tutta la stessa cosa. I click, i 'mi piace' non vanno messi a caso: ci vuole consapevolezza". Per la sindaca Chiara Appendino, "questi strumenti vanno usati nel modo giusto. Quando scrivete qualcosa sul web - suggerisce a alcuni ragazzi - pensate se avreste il coraggio di dirlo di persona".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Torino Oggi.it
  2. La Stampa
  3. ObiettivoNews
  4. Quotidiano Piemontese
  5. La Stampa

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

San Maurizio Canavese

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...