Libri: 'La morte a Brescia',

"Caso, destino, fortuna? ho sempre pensato che se non sono stato investito dall'esplosione è grazie all'amicizia". Era uno studente diciottenne Paolo Barbieri quando il 28 maggio 1974 si trovò a pochi metri dal porticato di Piazza della Loggia a Brescia, dove durante una manifestazione sindacale e antifascista venne fatta esplodere una bomba che uccise 8 persone ferendone altre 100. E comincia proprio con la testimonianza diretta del giornalista e scrittore il libro 'La morte a Brescia-28 maggio 1974: storia di una strage fascista', edito da RedStar Press. Una ricostruzione degli anni degli attentati, la situazione politica di allora, i tentativi di colpo di stato, la scoperta proprio a Brescia del Mar (Movimento Armato Rivoluzionario). Quindi i 41 anni di indagini e processi fino alla condanna definitiva di Carlo Maria Maggi, capo di Ordine Nuovo e Maurizio Tramonte, anche lui ordinovista. Una strage, sottolinea l'autore, considerata dai giudici 'la più politica di tutte'.

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Piacenza 24
  2. Il Piacenza
  3. Piacenza 24
  4. Piacenza 24
  5. EmiliaRomagna News24

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Sarmato

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...