Botte a moglie per 2 anni per un aborto

Un uomo è stato sottoposto a divieto di avvicinamento alla moglie, una 43enne italiana, e allontanamento dalla casa familiare a Bernareggio (Monza) per averla picchiata, minacciata di morte e costretta a restare in casa senza alcun contatto con l'esterno se non per lavorare, a partire dal giugno 2017, ossia per quasi due anni. E ciò per "punirla" di aver perso il figlio che portava in grembo. Il provvedimento è stato emesso dal Gip di Monza a seguito di un'indagine dei carabinieri partita dalla denuncia della donna. "È colpa tua, ora esci di casa solo per andare a lavorare", le avrebbe detto l'uomo. E poi l'avrebbe costretta a subire botte e minacce di morte, rivolte anche ai familiari di lei. Questo, secondo le indagini dei militari, il comportamento dell'uomo nei confronti della moglie, "colpevole", secondo lui, di un aborto spontaneo nel 2017.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Ticengo

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...