Troppo freddo, manca nettari per le api

Alveari in crisi per il maltempo e il freddo di maggio. Con il termometro mai sopra i 20 gradi, uno dei mieli più richiesti dal mercato, quello di acacia, rischia una produzione negativa da record poiché i fiori non riescono a produrre nettare. A rivelare le difficoltà del comparto, nella Giornata mondiale delle api, è la Coldiretti. "La sofferenza delle api - sottolinea Roberto Moncalvo, delegato confederale di Coldiretti Cuneo - è uno degli effetti dei cambiamenti climatici in atto. Il rischio è di incrementare l'arrivo di miele estero, se la nostra produzione sarà scarsa". Cuneo è la seconda provincia piemontese per numero di aziende attive (1.417 nel 2017) e la prima per numero di apiari (5.091). Tuttavia, "dopo un 2017 disastroso e un 2018 in lieve ripresa - rimarca Tino Arosio, direttore provinciale di Coldiretti - si preannuncia un'altra annata nera. Le ripercussioni potrebbero estendersi alle prossime annate, qualora gli operatori commerciali dovessero aprire nuovi canali d'ingresso".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Torino

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...