Distribuiti kit ai medici in Trentino

"Siamo stati tra i primi territori in Italia a fornire agli operatori sanitari di un kit apposito per gestore eventuali persone contagiate con il coronavirus. Ora dobbiamo capire come garantire i diritti a bambini e persone in arrivo dalla Cina". Così il dirigente generale del dipartimento salute e politiche sociali dell'Azienda provinciale per i servizi sanitari del Trentino, Giancarlo Ruscitti. "Abbiamo sollecitato al Ministero della Salute e del Lavoro un codice da inserire sui certificati medici per i cittadini che, rientrati dalla Cina senza sintomi, si mettono a disposizione volontariamente per il periodo di osservazione", ha detto Ruscitti. A detta del dirigente, la situazione è attualmente sotto controllo, e non ci sono rischi di contagio per la popolazione. "La distanza massima per essere contagiati è un metro. Le persone arrivate dalla Cina sono state informate e trasferite con mezzi dell'azienda sanitaria e non presentano sintomi; non alimentiamo allarmismi", ha concluso Ruscitti.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

Notizie più lette

  1. L'Adige

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Trento

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...

      © Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963