Vercelli

Post anti-gay, protesta a Vercelli

Circa settanta persone hanno partecipato oggi pomeriggio al presidio organizzato sotto al municipio di Vercelli per richiedere le dimissioni del consigliere Giuseppe Cannata, il medico 72enne in pensione autore di un post su Facebook con cui se la prendeva con gay, lesbiche e pedofili. Per la frase "ammazzateli tutti" l'ex vice presidente del Consiglio comunale è indagato dalla procura cittadina per istigazione a delinquere. Il comitato Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia ha esposto un cartellone con le 18.300 firme raccolte sulla piattaforma allout.org per la richiesta di dimissioni dal Consiglio comunale di Vercelli. "Dobbiamo fare pressione affinché questo avvenga - spiega la presidente di Rainbow, Giulia Bodo - tenendo aperte tutte le porte, anche a livello internazionale". Cannata, giovedì in Consiglio, ha detto che quelle frasi erano rivolte "ai mostri di Bibbiano e Forteto" ribadendo la volontà di non dimettersi dall'assemblea civica.

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie