Verona

Dinamo a Treviso per il secondo posto

Per il secondo posto, per un buon piazzamento in vista della Coppa Italia, per continuare la marcia delle ultime settimane e per proseguire il percorso di crescita culminato domenica scorsa con la vittoria su Bologna. Una Dinamo motivatissima stasera alle 20.30 si presenta a Treviso, al cospetto della De Longhi, per il posticipo del penultimo turno del girone di andata. Il Banco di Sardegna arriva da una striscia di vittorie impressionante, anche per la caratura degli avversari incontrati, ma coach Gianmarco Pozzecco e i suoi ragazzi vogliono dimostrare di non essere sazi e di non soffrire di vertigini. L'ultima trasferta dell'anno - che si completerà con l'impegno casalingo di lunedì 30 alle 20.30 contro la Vanoli Cremona dell'ex coach Meo Sacchetti - non è da sottovalutare. "Nell'ultimo turno Treviso ha riposato e ha recuperato acciaccati e infortunati", avverte Edoardo Casalone, il vice di Pozzecco, alla vigilia del match. "Sta facendo bene, lo dimostra la classifica - aggiunge - e in casa ha perso solo la prima con Milano". Sassari è comunque serena. "Il tour de force non ci scombussola, siamo abituati - spiega Casalone - è congeniale a come è stata costruita la squadra". La formazione di coach Max Menetti, secondo lui, "ha tenuto l'ossatura dello scorso anno, è rodata, è guidata dall'allenatore che con Reggio Emilia ha conteso a Sassari lo scudetto del 2015 e ha in gruppo un protagonista biancoblu di quella stagione, David Logan". Per espugnare il PalaVerde "dobbiamo proseguire nella direzione delle ultime partite, conservando il nostro dna - conclude l'assistant coach di Sassari - scommettendo sul gioco dentro l'area, correndo e cercando di essere solidi in difesa come nelle ultime uscite".(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963