SCEGLI DATA
AGENDA
  • SETTEMBRE
    LUNMARMERGIOVENSABDOM
    01 02 03 04 05
    06 07 08 09 10 11 12
    13 14 15 16 17 18 19
    20 21 22 23 24 25 26
    27 28 29 30
  • OTTOBRE
    LUNMARMERGIOVENSABDOM
    01 02 03
    04 05 06 07 08 09 10
    11 12 13 14 15 16 17
    18 19 20 21 22 23 24
    25 26 27 28 29 30 31
FILTRA PER FILTRA PER

In mostra il Giappone dell'800 nelle foto d'arte di Luchino Dal Verme

Il Giappone di Luchino Dal Verme. Capolavori fotografici dell'Ottocento

 

Il Comune di Zavattarello, con il patrocinio del Consolato Generale del Giappone di Milano e della Fondazione Matalon organizza al Castello Dal Verme di Zavattarello la mostra "Il Giappone di Luchino Dal Verme. Capolavori fotografici dell'Ottocento"

 

In esposizione - dal 17 luglio al 12 settembre 2021 - una sessantina di foto d'arte giapponesi provenienti dagli album del conte Luchino Dal Verme (1838 – 1911). 

 

Le foto, poetiche e di grande raffinatezza, appartengono alla cosiddetta Scuola di Yokohama (Yokohama shashin), un genere fiorito tra gli anni Sessanta e gli anni Novanta dell'Ottocento, e sono quasi tutte opera del principale esponente del filone, il fotografo italo-inglese Felice Beato.

 

La tecnica applicata da Felice Beato nel suo atelier di Yokohama era lunga e decisamente elaborata. Le foto venivano stampate su una speciale carta all'albumina, poi erano acquerellate a mano da un esercito di coloristi che operavano in sinergia con i fotografi.

 

Il repertorio dei temi è vastissimo e comprende:

  • usi e costumi locali
  • interni con gruppi famigliari
  • mestieri (dal samurai alla geisha, al barbiere, al portatore di risciò)
  • luoghi di interesse storico o di culto
  • giardini e paesaggi celebri

 

Nell'inquadratura e nel trattamento dei soggetti è chiara l'influenza delle xilografie giapponesi del periodo Edo. Lo scopo era enfatizzare e divulgare l'immagine di quel Giappone esotico e idealizzato che alimentava il japonisme europeo e che avrebbe in seguito suggerito a Puccini il tema della Madama Butterfly. Queste foto, infatti, erano destinate ai viaggiatori occidentali di passaggio, che le acquistavano sciolte o raccolte in appositi album decorati, con didascalie scritte a mano.

 

Due di questi album finiscono anche nei bagagli di Luchino Dal Verme, che tra il 1879 e il 1880 è fra i primi a sbarcare sulle coste del Giappone, appena aperto all'Occidente dopo due secoli e mezzo di chiusura. Ci arriva in missione ufficiale al seguito del principe Tommaso di Savoia, a bordo di una corvetta della Marina, ma ha già deciso che ritornerà via terra attraverso la Siberia e scriverà un libro su quel viaggio così "originale". I due album gli serviranno proprio a questo. Alcune delle foto, trasformate in incisioni, andranno a illustrare il libro Giappone e Siberia, pubblicato nel 1882 da Hoepli e poi, dato il grande successo editoriale, nel 1885 dai Fratelli Treves.

 

Il libro è in mostra insieme alle foto giapponesi e ad alcuni ricordi di viaggio portati da Luchino, al Castello Dal Verme di Zavattarello, che per molti secoli è appartenuto alla sua famiglia.

Per maggiori informazioni

Attenzione, l'evento che stai visualizzando è scaduto

Ti potrebbero interessare

Nel frattempo, in altre città d'Italia...

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963