Il SUV più maneggevole e silenzioso è la Honda CR-V Hybrid AWD

Comfort, maneggevolezza e silenziosità rendono lo Sport Utility Honda CR-V Hybrid AWD una proposta interessante sul mercato per i fan della Casa nipponica

Foto di Manuel Magarini

Manuel Magarini

Giornalista automotive

Classe 90, ha una laurea in Economia Aziendale, ma un unico amore: la scrittura. Da oltre dieci anni si occupa di motori, in ogni loro sfaccettatura.

Honda CR-V Hybrid è uno dei SUV di maggiore successo della Casa giapponese, che da sempre vanta comfort a livelli estremi. Oggi la versione AWD (All Wheel Drive), cioè con la trazione integrale, impressiona, in primis, per il grado di maneggevolezza di altissimo livello e anche per il suo viaggiare in modo super silenzioso, sia in autostrada sia su strade statali e in città. La sensazione lasciata è davvero positiva e il grande merito va dato innanzitutto alla motorizzazione, composta da un propulsore termico a benzina, supportato da due moduli elettrici. Questi ultimi si dividono i compiti tra la trazione e la ricarica delle batterie e complessivamente la potenza arriva a ben 184 CV.

Scatti brucianti

Nonostante le dimensioni ragguardevoli di Honda CR-V Hybrid AWD, grazie al proprio vigore forza l’auto riesce a dispensare delle ottime accelerazioni. Riconosciuta come una delle vetture meno rumorose dell’era attuale, tale caratteristica viene apprezzato dalla clientela. Meno convinta è apparsa l’Unione Europea, secondo la quale rischia di essere una potenziale causa di incidenti. L’organo comunitario fissa delle precise indicazioni sul fronte della sicurezza da osservare, preoccupato dal numero tuttora elevato di vittime della strada.

Attraverso una serie di contromisure l’ente confida di azzerare il triste dato entro il 2050 e le aziende desiderose di commercializzare le rispettive produzioni nel Vecchio Continente sono obbligate ad adeguarsi. Non se ne fanno di deroghe, a prescindere dal prestigio del brand; pertanto, i tecnici Honda hanno provveduto a inserire una personalizzazione singolare che consente di generare un rumore di avviso per i pedoni.

Molteplici sistemi tecnologici migliorano l’esperienza al volante: sensori e telecamere leggono la segnaletica, sensori posteriori massimizzano la precisione nei parcheggi,  segnali di avviso riferiscono la presenza eventuali di altri mezzi nell’angolo cieco. Tutto ciò aumenta la percezione di trovarsi in una cabina evoluta e dalla spiccata protezione, affinché i viaggi siano rilassanti. Nei percorsi cittadini la trazione è in pratica solo elettrica, dunque si circola in maniera quasi al 100% silenziosa, e ne deriva un comfort a bordo di eccellente pregio.

Gli occhi della tigre

Quando entra in gioco l’unità termico di Honda CR-V Hybrid al posto del modulo elettrico, l’esemplare 4×4 tira fuori gli “occhi della tigre”, adatto ai sentieri off-road, affrontati con la stessa nonchalance di una via cittadina. Così mostra la sua vera personalità, quella di una vettura dallo sprint brillante, dalla risposta immediata e pronta. La marcia è dolce e leggera grazie al cambio a variazione continua e quattro pulsanti base alloggiano in plancia, al fine di garantire la totale assenza di vibrazioni. 

Gettiamo ora un rapido sguardo agli interni, dove i cinque posti fanno della comodità un valore aggiunto: i sedili sono ampi e di spazio ve n’è in abbondanza. La seduta del conducente è personalizzabile elettricamente e si possono memorizzare fino a due posizioni. La dotazione è parecchio generose e comprende ingresso HDMI, utile a gustarsi dei contenuti multimediali, prese USB e sistema di infotainment completo. Restano da conoscere i prezzi di listino: la Honda CR-V Hybrid parte da 33.650 euro e arrivare alla versione top di gamma da 45.250 euro.