In vendita una delle BMW più iconiche del motorsport

La vettura ha preso parte al campionato DTM e al Mondiale Marche del 1977. In vendita in perfette condizioni.

Dire che sia un vero e proprio pezzo da collezione, forse, è addirittura riduttivo. Quella messa in vendita da Sotheby’s, infatti, è una vera legenda del motorsport. Una di quelle auto che hanno fatto la storia delle competizione motoristiche a cavallo degli Anni ’70 e degli Anni ’80 dello scorso secolo.

Si tratta di una BMW 320 Group 5 del 1977 in perfette condizioni, restaurata a regola d’arte non moltissimo tempo fa ma con ancora diverse componenti meccaniche originali. Un pezzo unico nel panorama collezionistico mondiale, che non potrà non far gola agli appassionati del mondo delle piste e delle corse. La BMW 320 del 1977 ha infatti gareggiato, con la sua riconoscibilissima livrea arancione, al fianco di mostri sacri dell’automobilismo come la Lancia Beta Montecarlo, la Porsche 935 e la Ford Capri.

BMW 320 del 1977 in vendita da Sotheby’s: caratteristiche e prezzo

La BMW 320 del 1977 in vendita da Sotheby’s, come detto, rientra nella categoria FIA “Gruppo 5”. Si tratta di auto derivate dalla produzione di serie e omologate per la circolazione stradale di tipo Silhoutte. Nello specifico, la BMW 320 del 1977 (come quella esposta a Milano con livrea dell’artista Roy Lichtenstein) rientra nel gruppo delle Vetture di Produzione Speciale (Special Production Cars): il cofano, gli sportelli e il tetto non potevano essere modificati, mentre il resto della carrozzeria poteva essere adattato alle esigenze aerodinamiche.

Allo stesso modo, anche il motore e le altre componenti meccaniche potevano essere modificate e adattate. Le auto del Gruppo 5, quindi, avevano ben poco in comune con le auto omologate per la circolazione dalle quali derivavano.

BMW 320 del 1977
Completamente restaurata a inizio del secolo, monta motore, cambio e sospensioni originali

Abbatanza incredibilmente, sotto al cofano del modello in vendita troviamo il motore originale, lo stesso che ha spinto questa BMW 320 sui circuiti europei più famosi. Si tratta del quattro cilindri M12/7 da 2 litri (la cilindrata ha un volume di 1.991 centimetri cubici), capace di sviluppare una potenza di 330 cavalli e arrivare fino a 10 mila giri al minuto.

Oltre al motore, l’esemplare in vendita da Sotheby’s conserva anche il telaio, il cambio, le sospensioni e il differenziale originali. Insomma, nonostante lo stress delle competizioni in pista e nonostante gli anni trascorsi, la BMW 320 del 1977 è ancora in ottima forma.

I collezionisti che volessero acquistarla devono, gioco forza, mettersi in contatto con la casa d’aste londinese. Il prezzo di vendita, infatti, non è stato reso noto, ma è facile immaginare che non basteranno diverse decine di migliaia di euro.

BMW 320 Group 5: la storia

Come accennato, il modello messo in vendita dalla celeberrima casa d’aste britannica vanta alle spalle una lunga storia nel mondo delle corse automobilistiche. Come dimostrato anche dai documenti che accompagnano il veicolo, la BMW 320 con livrea arancione ha preso parte a Campionati DTM e Campionati mondiali Marche riservate alle vetture del “Gruppo 5”.

I primi giri in pista risalgono al 1976, ma è solo dall’anno successivo che la BMW 320 Group 5 ha fatto il suo esordio ufficiale nei campionati DTM e Marche. Il modello in vendita da Sotheby’s è stato guidato dal pilota tedesco Harald Grohs, noto per il suo stile di guida “tutto o niente”. Nonostante un ottimo esordio sull’asfalto di Zolder, i risultati in pista non furono molto soddisfacenti. Il miglior risultato è un terzo posto ottenuto sempre a Zolder nel corso del penultimo appuntamento del calendario.

Terminata la “carriera sportiva”, la BMW 320 è stata esposta per diversi anni nei locali di un rivenditore BMW, per poi cadere nel dimenticatoio. Il modello in vendita da Sotheby’s ricompare a un’asta giudiziaria in Francia nel 2002, disassemblata e in pessime condizioni. L’acquirente, fortunatamente, sottopone il veicolo a un lungo processo di ristrutturazione (durato ben 6 anni), che le ha consentito di recuperare lo smalto e la brillantezza di un tempo.