Come funzionano le auto ibride

Scopri le caratteristiche dell'auto ibrida, come funziona e come è possibile ricarcarla

Foto di Andrea Piva

Andrea Piva

giornalista

Torinese, classe 1987, giornalista pubblicista con la voglia di raccontare quello che accade nel mondo e la fortuna di riuscire a farlo. Tra le mie passioni ci sono il cinema, lo sport e tutto ciò che è inerente al mondo dei motori e alle continue evoluzioni tecnologiche (e sostenibili) dei mezzi a quattro e a due ruote.

Non bisogna certo essere dei grandi esperti di automobili per sapere dell’esistenza delle auto ibride. Le varie case automobilistiche, infatti, oltre che sui veicoli elettrici, stanno puntato molto anche su questa tipologie di vetture, tanto che di questi mezzi ne avrete certamente sentito parlare anche solo guardando una pubblicità in TV o leggendola su un giornale. Ciò che magari è meno chiaro e cosa sono esattamente le auto ibride e come funzionano: per questo motivo andiamo ora a vedere nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere riguardo a questa tipologia di veicoli.

Cosa sono le auto ibride

Procediamo con ordine e per prima cosa chiariamo che cosa le automobili ibride: sono dei veicoli al cui interno si trovano due motori, uno elettrico e uno endotermico, che lavorano insieme. Questo permette di diminuire le emissioni di CO2 nell’ambiente, di ottimizzare il processo di produzione di energia e, di conseguenza, di abbattere sensibilmente i consumi.

Come funzionano le auto ibride?

Dopo aver visto che cosa si intende per automobili ibride, iniziamo a vedere come funzionano i veicoli di questo tipo.

Abbiamo detto in precedenza che i veicolo ibridi montano due motori, uno elettrico e uno termico: il motore elettrico entra in funzione al momento dell’accensione dei veicolo e nelle prime fasi di marcia mentre quello termico subentra nel momento in cui si preme sempre di più il piede sul pedale dell’acceleratore e la velocità del mezzo aumenta. 

Ma questa è solamente una spiegazione parziale del funzionamento delle auto ibride, questo perché ce ne sono alcune che sono in grado di percorrere diversi tratti di strada esclusivamente in modalità elettrica, altri invece di meno. Le automobili ibride, infatti, non sono tutte uguali, ne esistono di diversi tipi.

I diversi tipi di auto ibride

Esistono in commercio tre principali tipi di auto ibride: le Full Hybrid, le Mild Hybrid e le Plug-In Hybrid. Come vedremo nei paragrafi successivi, tra le automobili di queste diverse tipologie sono presenti delle differenze significative che è importante conoscere al momento dell’acquisto, in modo da essere certi di comprare l’automobile che più fa per voi. Andiamo allora a vedere nel dettaglio cosa e come funzionano queste automobili.

Auto Mild Hybrid: cosa sono e come funzionano

Partiamo dalle automobili Mild Hybrid. Sono veicoli che, come qualsiasi alto mezzo ibrido, hanno sia un motore termico che uno elettrico ma, quest’ultimo, è molto più piccolo ed è alimentato a una batteria compatta. Il motore elettrico delle automobili Mild Hybrid non è in grado di far viaggiare autonomamente l’auto e ha quindi più che altro una funzione di supporto al motore termico.

I veicoli Mild Hybrid permettono comunque all’automobilista di avere un risparmio fino al 15% del consumo energetico rispetto a un’auto (dello stesso modello) in cui è presente solamente un classico motore termico.

Auto Full Hybrid: cosa sono e come funzionano

Passiamo ora alle automobili Full Hybrid. La caratteristica principale dei veicolo di questo tipo è rappresentata dal fatto che sono in grado di viaggiare per diversi chilometri in modalità completamente elettrica, soprattutto nelle fasi di partenza o a basse velocità. Quando la velocità aumenta, per esempio se percorrete una tangenziale o un’autostrada, entra allora in funzione il motore termico.

A questo punto è facile intuire come questo tipo di automobili siano consigliate soprattutto agli automobilisti che utilizzano il proprio veicolo in particolare nei centri urbani, considerato che, come abbiamo spiegato, a velocità ridotte queste automobili sono alimentate dal motore elettrico. In città, infatti le Full Hybrid consentono di produrre minori emissioni di CO2 nell’ambiente e di ridurre i consumi (ovvero un maggiore risparmio di carburante).

Auto Plug-In Hybrid: cosa sono e come funzionano

Concludiamo come Auto Plug-In Hybrid, auto che possono essere considerate come una sorta di via di mezzo tra le Full Hybrid e le automobili puramente elettriche. Basti pensare che il motore termico può essere abbinato anche a più di un motore elettrico. Motore elettrico che è alimentato da batterie agli ioni di litio.

Inoltre, la caratteristica che più di tutte le rende simile alle automobili 100% elettriche è che possono essere collegate alle colonnine di ricarica. Le auto Plug-In Hybrid sono, tra le auto ibride, quelle che permettono di percorrere il maggior numero di chilometri in modalità completamente elettrica (il numero di chilometri in questa modalità dipende dalla capacità della batteria).

Come si ricarica la batterie delle auto ibride? La frenata rigenerativa

Arrivati a questo punto potrebbe viene naturale porsi una domanda: ma come si ricaricano le batterie delle auto ibride che non siano quelle Plug-In? Perché abbiamo visto che solo quest’ultime possono essere collegate alla colonnina di ricarica, le altre invece no. La risposta a questo quesito è grazie alla frenata rigenerativa.

In che cosa consiste? Altro non è che un processo che permette alla batteria di ricaricarsi quando l’automobile è in fase di frenata. In pratica, nel momento in cui il guidatore preme il pedale del freno, il motore dell’automobile ibrida funziona al contrario e “spinge” l’auto nella direzione opposta a quella di marcia.

Così facendo avviene una trasformazione dell’energia cinetica in energia elettrica che viene utilizzata per ricaricare la batteria. Nelle classiche automobili con il motore termica l’energia cinetica prodotta durante la fase di frenata viene invece dispersa sotto forma di calore. Il sistema della frenata rigenerativa è inoltre presente anche nelle automobili al 100% elettriche ma non nelle Mild Hybrid.

I vantaggi e gli svantaggi delle auto ibride

Da quanto abbiamo detto nei paragrafi precedenti, si può facilmente dedurre che acquistare un’automobile ibrida comporti una serie di vantaggi: vengono rilasciate meno emissioni nell’ambiente, si ha un risparmio non indifferente per quanto riguarda i consumi.

Ma ci sono anche degli svantaggi? Sì, ce n’è uno, almeno inizialmente. Il costo delle automobili ibride è infatti maggiore (a parità di modello) rispetto a quello di una classica automobile a benzina o diesel. Un costo maggiore che viene però ampiamente ammortizzato nel tempo grazie ai risparmi che si hanno nel corso del tempo per quanto riguarda i consumi. Inoltre, in alcune regioni italiane, sono previste anche delle agevolazioni sul bollo auto per chi possiede un veicolo ibrido.