Continental presenta il suo pneumatico più sostenibile

È in arrivo la gomma auto innovativa: Continental è il primo produttore che propone pneumatici di serie realizzati con un’alta percentuale di materiali sostenibili

Foto di Laura Raso

Laura Raso

automotive specialist

Cresciuta nel paese della Moto Guzzi, coltiva la passione per i motori e trasforma l’amore per la scrittura in lavoro, diventando Web Content Editor esperta settore automotive.

È lo pneumatico di serie più sostenibile, è prodotto da Continental e si chiama UltraContact NXT: combina un’alta percentuale di materiali sostenibili con il massimo livello di prestazioni e sicurezza, è prodotto per il 65% con materiali rinnovabili, riciclati e certificati secondo il bilancio di massa.

Continental è il primo produttore a lanciare sul mercato uno pneumatico con un’elevata quota di materiali sostenibili e la classificazione più alta dell’etichetta UE. Sarà venduto in Europa a partire dal mese di luglio.

Com’è fatto

Il nuovo pneumatico sostenibile UltraContact NX, in base alle sue dimensioni, può raggiungere fino al 65% di materiali rinnovabili, riciclati e certificati per il bilancio di massa. I materiali rinnovabili rappresentano il 32%, quelli riciclabili raggiungono il 5%, mentre arrivano fino al 28% i materiali certificati con bilanciamento di massa ISCC PLUS ricavati da materie prime organiche, bio-circolari e/o circolari.

Tra i materiali rinnovabili ci sono le resine ricavate dagli scarti dell’industria della carta e del legno che permettono di realizzare delle mescole altamente flessibili per migliorare l’aderenza sull’asfalto. I nuovi pneumatici Continental UltraContact NXT contengono anche la silice ricavata dalla cenere della lolla di riso, uno scarto agricolo, in grado anche di ottimizzare resistenza al rotolamento, durata e grip della gomma auto.

L’utilizzo di materiali riciclati

Il logo “Contains recycled materials” sul fianco del nuovo pneumatico sostenibile UltraContact NXT certifica l’utilizzo di materiali riciclati, con una percentuale fino al 5%. Tra questi vengono usati la gomma ricavata dalla lavorazione meccanica di pneumatici fuori uso e l’acciaio riciclato.

L’innovativa tecnologia adottata consente di generare filato di poliestere ad alte prestazioni attraverso il riciclo di bottiglie in PET – che altrimenti finirebbero negli inceneritori o nelle discariche – per poi utilizzarlo per rinforzare la carcassa dello pneumatico. Continental ha sviluppato un’alternativa ecologica e più efficiente dal punto di vista energetico che permette di riutilizzare da 9 a 15 bottiglie di plastica per ogni pneumatico, a seconda delle dimensioni. Continental punta a una produzione completamente circolare degli pneumatici entro il 2050.

Oltre ai materiali riciclati, viene usato sino al 28% di materiali con certificazione ISCC PLUS: gomma sintetica e nerofumo ottenuti da materie prime organiche, bio-circolari e/o circolari.

Continental lavora per sviluppare tecnologie innovative, prodotti e servizi lungo l’intera catena del valore, dall’approvvigionamento di materiali sostenibili al riciclo degli pneumatici usati. Entro il 2030 vorrebbe vantare oltre il 40% di componenti rinnovabili e riciclati in tutti i suoi nuovi prodotti.

La Casa prosegue il percorso verso l’utilizzo del 100% di materiali sostenibili per tutti i suoi pneumatici entro il 2050. L’UltraContact NXT viene proposto in 19 misure, che sostituiranno le attuali rispettive dimensioni già esistenti del prodotto. Il Gruppo immetterà gradualmente sul mercato in Europa l’UltraContact NXT e le prime misure saranno disponibili a luglio 2023.

L’UltraContact NXT è stato progettato sia per i motori elettrici sia per quelli a combustione, offrendo la classificazione più alta dell’etichetta UE e un’ottima resa chilometrica. Si tratta dello pneumatico di serie più sostenibile di Continental, riporta il logo EV Compatible e potrà essere usato per moltissime auto di nuova generazione, come Kia Niro, VW ID.3, Mercedes-Benz EQA, Tesla Model 3, Audi Q4 E-TRON, Skoda Octavia, VW Golf 8, Audi A3 e altre ancora.