VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 15 APRILE 2024

Spopola la "early night" dei Gen Z: vanno a letto presto e stanno meglio

La Generazione Z, spesso abbreviata in Gen Z, è il gruppo demografico successivo ai Millennials (Generazione Y) e comprende le persone nate circa tra la metà degli anni ’90 e il 2010. È conosciuta per essere la prima generazione a crescere con internet e la tecnologia digitale a portata di mano fin dalla nascita, in mezzo a social media, smartphone e piattaforme di streaming.

Sono spesso descritti come più progressisti, attenti all’ambiente e tecnologicamente competenti rispetto alle generazioni precedenti. Ora sono pronti a dare una lezione anche ai più grandi grazie alla early night, un nuovo trend che porta i giovanissimi ad andare a letto presto. Altro che divertimento sfrenato e ore piccole: la Gen Z pare avere un occhio di riguardo per la salute e il benessere.

Cos’è la “early night” che spopola su TikTok

Chi pensa che i giovani non facciano altro che scrollare, bere e fare tardi la sera dovrà ricredersi. Nella Gen Z è infatti sempre più diffuso il fenomeno dell’early night, ovvero il trend di andare a dormire presto. Alla base di questo trend vi è la maggiore consapevolezza dei giovani sul ruolo del sonno sul benessere fisico e mentale. Andare a dormire presto migliora le prestazioni, perché il sonno è cruciale per la regolazione della melatonina, e per il consolidamento delle informazioni apprese durante il giorno. Ma è anche importante per mantenere il ciclo circadiano in sintonia con il ritmo naturale e favorisce un migliore equilibrio ormonale e una migliore regolazione emotiva.

L’early night può avere effetti benefici anche sulla salute fisica, permettendo un ottimale rilascio della melatonina e facilitando la riparazione e la rigenerazione delle cellule. Diversi studi associano a una corretta quantità di sonno la riduzione del rischio di patologie cardiovascolari, ansia, e altre malattie.

A contribuire in modo decisivo a questa piccola grande svolta epocale è il social numero uno tra i più giovani, TikTok. L’hashtag #earlynight spopola ed è molto ben visto dalle influencer che promuovono online uno stile di vita sano. Da qui all’emulazione virale tipica di queste piattaforme il passo è breve. Almeno in questo caso, i social network hanno avuto qualcosa da insegnare e condividere in modo sano.

Perché i Gen Z vanno a letto presto: lo studio

Andare a letto in anticipo potrebbe dire svegliarsi prima la mattina. Almeno così è per la maggior parte delle persone, ma non per la Generazione Z che dimostra di dormire più di tutte le altre. Si dice che passiamo un terzo della vita dormendo, 8 ore al giorno. Ma per i nati a cavallo tra anni ’90 e ’00 questo monte ore pare debba essere ritoccato al rialzo. Secondo un’analisi dei dati dell’American Time Use Survey di RentCafe, nel 2022 i ventenni hanno dormito in media 9 ore e 28 minuti, un aumento dell’8% rispetto al 2010. La tendenza è stata confermata da un’altra analisi che ha dimostrato che le ragazze e i ragazzi tra i 18 e i 34 anni vanno a letto in media alle 22:06 e sono proprio i più giovani ad abbassare la media.

Il fatto che i Centennials scelgano di andare a letto prima del dovuto potrebbe essere un’abitudine tramandata dai tempi del lockdown in cui la sera non vi era nulla da fare viste le restrizioni. Ed è questo l’aspetto più negativo di questi trend: il Covid ha reso la vita di tanti giovani più solitaria, portando molti ragazzi a fare i conti con la depressione o con altri problemi psicologici che a volte vengono condivisi proprio a mezzo social.

27.310 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...