Acquistare un’auto all’asta giudiziaria: come partecipare

Le aste giudiziarie offrono automobili di ogni genere a prezzi spesso molto vantaggiosi, ma presentano delle insidie: come funzionano e come partecipare

Foto di Alessandra Caraffa

Alessandra Caraffa

esperta di automotive

Laureata in filosofia, è SEO Copywriter e Web Editor. Si occupa principalmente di mondi digitali e prospettive future - anche in ambito di motori.

Le aste giudiziarie offrono automobili di ogni tipo, provenienti essenzialmente da sequestri, fallimenti, pignoramenti o reati vari: acquistare un’auto a un’asta di questo tipo è una pratica che presenta qualche rischio, ma che offre la possibilità di acquistare pezzi unici ed esemplari da collezione e permette di fare ottimi affari.

Per partecipare a un’asta di auto con buon profitto, però, è necessario conoscere i meccanismi e i vincoli di questa modalità di acquisto. Innanzitutto, le aste giudiziarie non sono tutte uguali: oltre alla classica divisione tra aste con incanto e senza incanto, oggi si può considerare anche l’opzione di partecipare a un’asta a distanza, acquistando l’auto dei propri sogni comodamente online.

Modalità d’asta: quali sono e come funzionano

Le aste giudiziarie consentono di aggiudicarsi automobili sequestrate a seguito di pignoramento, fallimenti o reati, generalmente a prezzi molto competitivi. Alle aste giudiziarie si possono trovare auto di ogni tipo: quello che si acquista potrebbe essere l’affare del secolo, ma anche un’auto in pessime condizioni o, nel peggiore dei casi, gravata da fermo amministrativo.

Ma procediamo con ordine. Per orientarsi nel mondo delle aste giudiziarie, è bene cominciare dal distinguere le diverse modalità d’asta:

  • vendita a incanto: la gara avviene in presenza di un giudice o di un suo delegato. Il bando di gara stabilisce il prezzo di partenza e il rilancio minimo, che va effettuato a voce dagli aspiranti acquirenti in sede di udienza. L’offerente che propone la cifra più alta si aggiudica la gara;
  • asta senza incanto: le offerte vengono presentate in busta chiusa alla Cancelleria del Tribunale competente. Gli acquirenti hanno dai 90 ai 120 giorni di tempo per presentare le offerte, che devono superare almeno del 20% il valore base indicato nel bando: anche in questo caso l’offerta più alta si aggiudica l’asta. In presenza di più offerte valide, viene indetta una seconda asta con prezzo di partenza pari all’offerta più alta ricevuta;
  • asta online: si svolgono in maniera telematica e sono esclusivamente senza incanto, ma possono svolgersi anche in maniera asincrona, cioè permettendo i rilanci entro un certo periodo di tempo (come avviene per esempio in alcune celebri aste di Car & Classic, la più grande piattaforma online in Europa dedicata all’acquisto e alla vendita di veicoli storici).

In ogni caso, per partecipare a un’asta è necessario versare una cauzione, che per le aste senza incanto è pari al 10% del prezzo base d’asta. Se non ci si aggiudica l’auto la cauzione viene restituita all’offerente. L’unico caso in cui la cauzione viene persa è quella in cui si vince la gara e non si proceda con il pagamento del prezzo di aggiudicazione.

Auto, come partecipare a un’asta giudiziaria

Ad eccezione del debitore, tutti possono partecipare a un’asta: di persona, delegando un procuratore che si rechi in Tribunale in propria vece, oppure senza spostarsi da casa, registrandosi su una piattaforma di aste telematiche.

Nel caso delle aste tradizionali, all’incanto e senza, le modalità di partecipazione alla gara vengono stabilite dal Tribunale interessato, motivo per cui non esiste una regola valida per tutte le aste: generalmente, però, per partecipare a un’asta in Tribunale è necessario presentare apposita domanda, corredata di deposito cauzionale, entro i termini stabiliti nell’avviso di vendita.

Per partecipare a un’asta d’auto online, invece, è sufficiente scegliere un portale d’aste telematiche, registrarsi (con un discreto anticipo sull’ora di inizio delle operazioni) e seguire le indicazioni della piattaforma. Per presentare un’offerta per via telematica è necessario essere in possesso di PEC e firma digitale.

Un passaggio da non trascurare, quando si intende acquistare un’auto all’asta, è la verifica delle condizioni del veicolo: alle aste si può trovare davvero ogni tipo di vettura. Le auto vengono vendute esattamente nello stato in cui si trovano e senza alcun tipo di garanzia. La buona notizia è che è sempre possibile visionare il bene, anche nelle aste online: per farlo, è necessario rivolgersi al Custode Giudiziario e fissare un appuntamento per verificare le condizioni della vettura.