Trionfo Ferrari alla 24h di Le Mans: “Macchina fantastica”

Ferrari ha vinto la 24 Ore di Le Mans del Centenario con la sua meravigliosa 499P, l’auto definita fantastica dalla squadra del Cavallino Rampante

Foto di Laura Raso

Laura Raso

automotive specialist

Cresciuta nel paese della Moto Guzzi, coltiva la passione per i motori e trasforma l’amore per la scrittura in lavoro, diventando Web Content Editor esperta settore automotive.

Si conclude la 24 Ore di Le Mans e Ferrari vince la gara, tornando a correre dopo mezzo secolo di assenza. La meravigliosa Ferrari 499P, definita fantastica dallo stesso team che l’ha portata in gara, è arrivata al traguardo con Alessandro Pier Guidi, che ha condiviso la vettura con i compagni Antonio Giovinazzi e James Calado.

Chi ha vinto la 24 Ore di Le Mans

L’auto numero 51 ha completato, sul tracciato francese, 342 giri, dando il meglio di sé. Un risultato storico per la Casa di Maranello, dopo 50 anni di totale assenza alla 24 Ore di Le Mans, al rientro nella top class, la squadra Ferrari – AF Corse si è aggiudicata la gara endurance più famosa al mondo, che rappresenta il quarto round del FIA World Endurance Championship 2023.

La seconda vettura di Ferrari, l’altra 499P guidata invece da Antonio Fuoco, Nicklas Nielsen e Miguel Molina – la numero 50 – è arrivata al quinto posto in classifica. Il ritardo è stato dovuto a un problema durante la notte, l’auto ha avuto bisogno di un intervento che ha impedito all’equipaggio di essere in lizza per il podio, nonostante l’ottima prestazione che ha permesso di rimontare diverse posizioni.

Come avevamo già visto nei giorni scorsi, entrambe le Ferrari 499P si erano aggiudicate le prime due posizioni in griglia rispettivamente con le Hypercar numero 50 – Fuoco aveva firmato la pole position – e 51, dopo i tempi fatti registrare durante la Hyperpole.

Quante volte la Ferrari ha vinto a Le Mans

Per quanto riguarda la 24 Ore di Le Mans, per il Cavallino Rampante si tratta della decima vittoria assoluta, dopo quelle che il team Ferrari ha ottenuto in passato, nel 1949, 1954, 1958, 1960-1965. Il numero totale di successi per la Casa di Maranello quindi arriva adesso a 39, includendo i 29 di classe messi in bacheca nella storia di Ferrari a Le Mans.

Con il risultato ottenuto nel quarto appuntamento iridato Ferrari rimane seconda in classifica Costruttori, accorciando la distanza da Toyota, ora di 19 punti.

I protagonisti della grande impresa sono stati Alessandro Pier Guidi, 39 anni, James Calado, inglese, 33, e Antonio Giovinazzi, 29. I tre piloti sono stati in grado di riportare in Italia la coppa assoluta più importante delle gare di durata, in gara con la Ferrari 499P, che da tutti è stata definita una vettura fantastica.

Secondo il presidente della Ferrari, John Elkan, è un pezzo di storia delle corse: “Abbiamo vissuto una giornata indimenticabile, che dedico a tutti coloro che lavorano in Ferrari. Dopo 50 anni siamo tornati a partecipare alla massima categoria dell’endurance, che ha segnato la nostra storia e quella dello sport automobilistico. Siamo orgogliosi di avere portato l’Italia sul gradino più alto del podio della 24 Ore di Le Mans, celebrando nel modo migliore il centenario della gara più importante al mondo nella categoria. La vittoria che Antonello Coletta, Amato Ferrari e tutta la squadra Ferrari, dai meccanici ai piloti, hanno conquistato in condizioni difficili – per la stessa durata della gara, per il meteo incerto e per i nostri avversari fortissimi – deve essere di esempio per tutti noi. L’emozione che hanno regalato ai nostri tifosi in una giornata storica lega passato, presente e futuro e ci ricorda l’importanza di avere il coraggio e l’umiltà di migliorare sempre. Con entusiasmo e felicità voglio ringraziare tutti i nostri colleghi che ci hanno portato a una grande vittoria: un successo che celebriamo con i nostri tifosi e il nostro Paese”.