VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 24 APRILE 2024

C’è una seconda Luna attorno alla Terra e ora sappiamo com’è nata

La Terra ha sempre avuto una compagna silenziosa nel vasto spazio: la Luna. Ma cosa succederebbe se non fosse l’unica? Un recente studio pubblicato su Nature Astronomy ha rivelato che c’è un altro corpo celeste che ha catturato l’attenzione degli scienziati: l’asteroide 469219 Kamo’oalewa. Questo piccolo asteroide, che orbita in sincrono con la Terra, potrebbe avere una storia sorprendentemente legata alla nostra amata Luna.

Cos’è 469219 Kamo’oalewa, la “seconda Luna” della Terra

469219 Kamo’oalewa è un asteroide che ha attirato l’interesse degli scienziati per la sua strana relazione con la Terra. È stato scoperto nel 2016 dall’Osservatorio di Haleakalā alle Hawaii, ed è un piccolo corpo celeste con un diametro di circa 30-60 metri.

Effettua una rotazione completa ogni 28 minuti e talvolta si avvicina alla Terra fino a 16 milioni di chilometri a causa del suo percorso orbitale. Gli scienziati lo definiscono un “quasi-satellite” della Terra, un oggetto che segue un’orbita simile a quella di un pianeta ma non è un vero satellite.

Svelata l’origine del quasi-satellite: cosa è stato scoperto

Secondo lo studio, Kamo’oalewa potrebbe provenire da un impatto sulla Luna che ha creato il cratere Giordano Bruno. Questo cratere, largo 22 km e situato sul lato nascosto della Luna, ha caratteristiche simili a quelle dell’asteroide: la luce riflessa, le dimensioni, l’età e la velocità di rotazione coincidono con quelle del cratere lunare.

Gli scienziati hanno analizzato attentamente la luce riflessa da Kamo’oalewa e l’hanno confrontata con quella dei campioni lunari portati sulla Terra dalle missioni spaziali. Le somiglianze sono state sorprendenti, suggerendo che l’asteroide potrebbe provenire direttamente dalla Luna.

I ricercatori hanno calcolato che l’asteroide potrebbe essere stato espulso dalla Luna dopo essere stato colpito da una roccia spaziale di circa 1,6 km di diametro. Ha poi viaggiato nello spazio prima di stabilirsi in un’orbita quasi-sincrona con la Terra. Questo scenario offre una spiegazione plausibile per la presenza di Kamo’oalewa e la sua stretta orbita attorno al nostro pianeta.

Che cos’è un quasi-satellite e quali sono quelli terrestri

Un quasi-satellite è un oggetto celeste simile a un pianeta o un satellite, orbitante intorno al pianeta stesso e alla sua stella.

Questi corpi sono in risonanza orbitale 1:1 con il pianeta, rimanendo vicini per periodi prolungati ma variabili. Le loro orbite, al di fuori della sfera di Hill, sono instabili e tendono a evolvere in altre forme di risonanza nel tempo.

L’orbita di un quasi-satellite attorno al Sole impiega lo stesso tempo dell’orbita del pianeta ma solitamente ha maggiore eccentricità. Dal punto di vista del pianeta, sembra compiere un anello, anche se non orbita tecnicamente attorno ad esso.

Altri tipi di orbite in risonanza 1:1 includono quelle a ferro di cavallo intorno ai punti di Lagrange, ma questi oggetti non rimangono a lungo vicino al pianeta. Possono transitare periodicamente in orbite di quasi-satellite per brevi periodi, confondendosi con essi. Un esempio è 2002 AA29.

Tra i quasi-satelliti conosciuti della Terra ci sono: 3753 Cruithne, 2002 AA29, 2003 YN107, 2004 GU9, (419624) 2010 SO16, 2014 OL339, 469219 Kamoʻoalewa, 2022 YG e 2023 FW13.

7.689 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...