VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 04 FEBBRAIO 2024

Svelato il mistero degli UFO, parla l'ex del Pentagono: sono progetti militari tenuti segreti

Sugli UFO, gli oggetti volanti non identificati, da sempre si dice e pensa un po’ di tutto. Complici anche le sceneggiature cinematografiche, ognuno di noi ha potuto farsi un’idea del tutto personale di come possa essere la vita oltre a quella terrestre.

Che si tratti di astronavi che approcciano la Terra per conquistarla come viene raccontato nei film o di fantomatici alieni nascosti nella celeberrima Area 51, l’alone di mistero che circonda gli UFO alimenta la fantasia di curiosi, appassionati e, soprattutto, complottisti.

A dar fiato alle suggestioni di questi ultimi ci ha pensato un ex dipendente del Pentagono, il quale ha dato una sua personale versione di cosa siano gli UFO: nessuna creatura aliena in visita al nostro pianeta, bensì progetti militari tenuti segreti dal governo statunitense. Una affermazione a dir poco controversa che fa a pungi con quanto svelato dalla NASA sugli UFO.

Gli UFO sono progetti militari segreti? Cosa ha detto Sean Kirkpatrick

Ad alimentare il fuoco delle tesi complottiste ha pensato Sean Kirkpatrick, ex direttore dell’ufficio del Pentagono incaricato di indagare sui “fenomeni anomali non identificati” o UAP (Unidentified Aerial Phenomena). In ambito militare e ufologico UAP fa riferimento a Fenomeni Aerei Non Identificati, ovvero avvistamenti di oggetti volanti che non possono essere identificati come aeromobili convenzionali o fenomeni naturali. Questo termine è la versione moderna e aggiornata di quelli che abbiamo sempre chiamato “UFO” (Unidentified Flying Object).

In un’intervista con Peter Bergen della CNN, Kirkpatrick ha ammesso che molti avvistamenti UFO sono probabilmente di origine terrestre e top secret. Nulla a che vedere, dunque, con forme di vita provenienti da pianeti lontani. L’uomo, che ha recentemente lasciato il servizio governativo, ha apertamente parlato di diversi progetti militari, di intelligence o anche commerciali, tutti rigorosamente segreti.

L’ipotesi militare sugli UFO come velivoli sperimentali americani

Le parole di Kirkpatrick sono destinate a far discutere, soprattutto in ambito social: ”Esistono numerose tecnologie avanzate che vengono commercializzate e che le persone non riconoscono” ha affermato l’ex funzionario del Pentagono. Secondo Kirkpatrick molti degli oggetti avvistati, come sfere giganti con cubi al loro interno, altro non sono che la prossima generazione di droni sferici, sviluppati basandosi su ricerche dell’Università di Singapore.

Gli ingegneri avrebbero creato oggetti sferici posizionando cubi all’interno di strutture gonfiabili di circa due metri, con piccoli propulsori inseriti nei punti in cui i cubi toccano la sfera. Tali rivelazioni dimostrerebbero che il Pentagono sarebbe concentrato più sulle minacce inerenti la sicurezza nazionale, che non da eventuali aggressioni extraterrestri.

Dopotutto la teoria che lega gli UFO agli esperimenti militari di Sean Kirkpatrick non è una novità, ma ha radici piuttosto solide e datate. Tale ipotesi è nata alla fine degli anni quaranta, proprio come alternativa a quella aliena. Secondo i suoi sostenitori, i primi oggetti voltanti non identificati a forma di disco altro non erano che prototipi costruiti da scienziati tedeschi durante la seconda guerra mondiale. In seguito tali oggetti sono stati accostati a velivoli spia sovietici. Ma alla fine degli anni sessanta una commissione d’inchiesta ufficiale statunitense ha concluso che gli UFO non erano nulla di tutto ciò e non costituivano un pericolo per la sicurezza nazionale.

25.136 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...