VIDEO
Cerca video
BUONO A SAPERSI 27 APRILE 2023

Non buttare via le cipolle germogliate: sono utilissime

Il germoglio verde che spunta dal centro della cipolla è del tutto naturale e fa parte del ciclo vitale della pianta. Il bulbo più usato in cucina è infatti destinato a far crescere nuove piante. Spesso viene raccomandato di non mangiare le cipolle dopo che appare questo particolare gambo, a causa di presunti pericoli per la salute. Ma cosa c’è di vero?

Le cipolle germogliate si possono mangiare?

Tutte le cipolle – gialle, rosse, bianche – e gli altri bulbi commestibili, come lo scalogno, dopo un po’ di tempo e in determinate condizioni iniziano a germogliare. Lo sanno bene i contadini, che hanno sempre disponibilità di aromi freschi senza acquistare nuovi semi, perché sanno quando le piante possono essere messe sotto terra e proliferare. Anche dopo la germogliazione, la cipolla può essere mangiata senza problemi. Tuttavia può risultare più morbida e dal sapore più amaro, soprattutto se consumata cruda. Si può continuare a usare senza problemi nelle preparazioni che richiedono lunghe cotture, magari come soffritto, oppure fritta. Il germoglio verde non è un segno che la cipolla è andata a male, ma solo che non è stata conservata nel modo giusto. Devi buttarla subito, invece, se ha segni di decomposizione, muffa o un cattivo odore di marcio.

Come conservare correttamente le cipolle

Per evitare che le cipolle germoglino subito dopo l’acquisto o vadano a male prima del tempo, le devi conservare nel modo giusto.

  • Maneggiale con cura e non farle cadere.
  • Tienile in luoghi freschi e asciutti ad almeno 30 centimetri dai muri, per permettere una migliore aerazione.
  • Non avvolgerle in sacchetti o fogli di plastica.
  • Non conservarle insieme alle patate e altri cibi che rilasciano umidità.
  • Tienile lontane dalla luce del sole diretta e dalle fonti di calore.

Utilizzare questi 5 trucchetti ti aiuterà ad allungare il tempo in cui le cipolle rimangono buone e sode da un mese fino a ben tre mesi.

Come piantare le cipolle germogliate: la guida

Far germogliare le cipolle, come già accennato, è un ottimo modo per averle sempre fresche e disponibili tutto l’anno, e non serve un orto. Si possono piantare anche in casa, seguendo alcuni semplici passaggi.

  1. Sbuccia la cipolla e verifica l’eventuale presenza di più germogli.
  2. Separali l’uno dall’altro e taglia tutta la parte della cipolla non attaccata al gambo verde.
  3. Posizionali in una ciotola con acqua, con la parte verde rivolta verso l’anno, e attendi alcuni giorni finché non vedrai spuntare delle radici bianche.
  4. Pianta ogni bulbo in un vaso diverso. Si possono piantare anche insieme, in giardino, ma distanziati di almeno 20 centimetri.
  5. Nebulizza la terra con dell’acqua ogni volta che la vedi secca.
  6. Se hai fatto tutto correttamente, nel giro di 3 mesi dovresti riuscire a fare il primo raccolto.

Insomma, come succede per le patate germogliate, anche le cipolle possono essere “riciclate”. Si tratta di un ottimo metodo per evitare di sprecare il cibo.

40.774 visualizzazioni
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...