VIDEO
Cerca video
FAI DA TE 08 FEBBRAIO 2024

Come pulire le orecchie

Che le orecchie debbano essere tenute pulite lo impariamo sin da quando siamo piccoli. Una delle domande più frequenti dei genitori è “ti sei lavato per bene le orecchie?”, e questo perché il cerume, materiale prodotto dai condotti auricolari, è decisamente poco estetico. Scopriamo insieme come procedere al meglio.

Il cerume ha una funzione precisa

Innanzitutto, occorre sapere che il cerume, proprio come le altre sostanze secrete dall’organismo, svolge una funzione precisa: ha un ruolo protettivo e antibatterico del condotto uditivo esterno. È assolutamente giusto e normale che ci sia, il problema nasce quando si è soggetti ad una iperproduzione.

In questo caso il secreto in eccesso non ha alcuna utilità e occorre eliminarlo. A volte è necessario ricorrere a livello ambulatoriale, soprattutto quando si viene a formare il cosiddetto “tappo di cerume”.

I sintomi del “tappo”

  • Riduzione della capacità uditiva
  • Ronzii alle orecchie (acufene)
  • Rimbombo della propria voce (autofonia)
  • Dolore alle tempie e alle orecchie
  • Sensazione di orecchio “pieno”
  • Vertigini

Come eliminare il cerume in eccesso

Per pulire al meglio le orecchie il consiglio è quello di utilizzare un dito della mano. Passatelo bene, con acqua e un detergente non troppo aggressivo, per tutto il padiglione auricolare. In alternativa potete ricorrere ad un fazzolettino umido, meglio se non di carta onde evitare che si sfaldi e penetri nel condotto.

Cotton fioc, sì o no?

I bastoncini cotonati non sono vietati, ma bisogna utilizzarli con attenzione estrema per evitare la perforazione del timpano. Se spinto internamente con troppa violenza, il cotton fioc potrebbe provocare problemi all’organo dell’equilibrio o agli ossicini della cassa timpanica con conseguenze anche gravi. Non dimenticate poi che i cotton fioc altro non fanno che mandare il cerume in profondità, compattandolo e contribuendo a formare il “tappo”.

Coni di cera e spray di soluzione fisiologica, sì o no?

Nelle farmacie e nelle parafarmacie si trovano in vendita coni di cera ad uso auricolare. Questi, una volta accesi, riescono sì ad estrarre il cerume dall’orecchio ma possono rivelarsi anche pericolosi. Il rischio è quello di versarsi cera bollente nell’orecchio e di bruciarsi letteralmente il timpano.

Invece, gli spray di soluzione fisiologica non hanno effetti collaterali. Va detto però che difficilmente sono in grado di eliminare il cerume in eccesso. Spruzzano infatti la soluzione nel condotto uditivo ad una pressione talmente modesta da non favorire una soddisfacente fuoriuscita del secreto.

Quindi, qual è il modo migliore?

Senza dubbio, il migliore risultato a rischio zero si ottiene con il dito. Un valido aiuto è quello di mettere nell’orecchio più volte al giorno gocce ceruminolitiche. Queste rendono il cerume meno secco e ne agevolano la fuoriuscita senza traumi.

127.816 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...