VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 08 GIUGNO 2024

Un segnale radio dallo Spazio sfida ciò che sappiamo delle stelle

Dall’altra parte della galassia è arrivato uno strano segnale radio, ma gli astronomi faticano a capire cosa significhi. A emetterlo sarebbe stata una stella di neutroni denominata ASKAP J193505.1+214841.0 (ASKAP J1935+2148 in breve), situata nel piano della Via Lattea, a circa 15.820 anni luce dalla Terra. La particolarità è che questo segnale è diverso da quelli finora studiati.

Perché il segnale radio ASKAP J1935+2148 è diverso

ASKAP J1935+2148 attraversa periodi di pulsazioni forti, periodi di pulsazioni deboli e periodi in cui non pulsa affatto. Quello che non si sa è il motivo. Lo strano oggetto rappresenta perciò una sfida affascinante per comprendere l’evoluzione delle stelle di neutroni che sono ciò che resta dopo la morte di una stella entro un certo intervallo di massa, tra circa 8 e 30 volte quella del Sole.

Il materiale esterno della stella viene espulso nello spazio, culminando nell’esplosione di una supernova. Il nucleo rimanente della stella collassa sotto la gravità, formando un oggetto ultra denso fino a 2,3 volte la massa del Sole, in una sfera di soli 20 chilometri (12 miglia) di diametro. La stella di neutroni che ne risulta può quindi presentarsi in vari modi. C’è la stella di neutroni di base, che semplicemente resta senza fare molto. C’è la pulsar, che invia segnali radio dallo Spazio dai suoi poli mentre ruota e lampeggia. Poi c’è la magnetar con un campo magnetico estremamente potente la cui attrazione entra in conflitto con la gravità che tiene insieme la stella.

ASKAP J1935+2148 non si comporta come alcun tipo di stella di neutroni. È stata identificata per la prima volta per caso e le osservazioni di follow-up sono state effettuate utilizzando l’Australian Square Kilometer Array Pathfinder (ASKAP) e il radiotelescopio MeerKAT in Sud Africa.

I ricercatori hanno scoperto che ASKAP J1935+2148 ha un periodo regolare di pulsazioni di 53,8 minuti e che ha una modalità di pulsazione estremamente luminosa, con una polarizzazione altamente lineare. Ma poi si placherebbe completamente, senza alcuna pulsazione misurabile per un periodo di tempo fino a riprendere la sua attività ben 26 volte più debole della sua modalità luminosa precedente e con una luce polarizzata circolarmente.

Le teorie degli scienziati sul segnale radio dallo Spazio

L’ipotesi degli scienziati è che ASKAP J1935+2148 possa essere una sorta di ponte tra i diversi stati di una stella di neutroni. Le differenze tra le sue modalità di pulsazione sono probabilmente collegate a cambiamenti e processi magnetosferici. Ciò suggerirebbe che tutti gli oggetti appartengono a una nuova classe di magnetar, forse mentre si evolvono in pulsar.

“ASKAP J1935+2148 fa probabilmente parte di una popolazione più antica di magnetar con lunghi periodi di spin e bassa luminosità dei raggi X, ma sufficientemente magnetizzata da essere in grado di produrre emissioni radio coerenti”, hanno scritto i ricercatori nell’articolo che spiega la scoperta.

Cos’è una stella pulsar e cosa c’entra con il segnale radio

Una stella di neutroni pulsar è una delle possibili manifestazioni di questi oggetto celesti. Nelle prime fasi della sua formazione, in cui ruota molto velocemente, la sua radiazione elettromagnetica in coni ristretti è osservata come impulsi emessi a intervalli estremamente regolari. Nel caso di pulsar ordinarie, la loro massa è comparabile a quella del Sole, ma è compressa in un raggio di una decina di chilometri, quindi la loro densità è enorme. Il segnale radio dallo Spazio profondo emesso dalla stella è causato dall’azione combinata del campo magnetico e della rotazione.

9.781 visualizzazioni
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...