Quando l’intervento della Lamborghini della Polizia è stato vitale

A circa un anno e mezzo dal salvataggio della moglie, un signore ha riconosciuto la Lamborghini Huracan utilizzata per trasportare l'organo alla Mille Miglia

Foto di Manuel Magarini

Manuel Magarini

Giornalista automotive

Classe 90, ha una laurea in Economia Aziendale, ma un unico amore: la scrittura. Da oltre dieci anni si occupa di motori, in ogni loro sfaccettatura.

Il cerchio si chiude. Circa un anno e mezzo fa avevano salvato la moglie grazie al trapianto di un rene. Che era stato trasportato a tutto gas dall’ospedale San Salvatore, con un “missile” su strada: una Lamborghini Huracan. Siccome il fattore tempo poteva fare la differenza, avevano utilizzato la supercar della Polizia e la disperata missione di soccorso era andata a buon fine. Ha riconosciuto al volo la macchina il marito della signora, Francesco, questo martedì, durante la tappa delle Mille Miglia a Torino, tra i più importanti eventi dedicati alla auto d’epoca.

Un viaggio disperato

Francesco ha subito riconosciuto la vettura mentre era in bici. Così, si è avvicinato alle Forze dell’Ordine per aggiornarli sulle condizioni di salute della dolce metà e ringraziarli ancora una volta. Senza il loro prezioso apporto la storia avrebbe avuto un epilogo ben meno lieto. Quindi, ha desiderato farsi una foto accanto al questore di Torino, Vincenzo Ciarambino, e al poliziotto autista della Huracan. La supersportiva in dotazione all’unità stradale di Bologna non solo viene utilizzata nelle attività operative, bensì pure nel trasporto degli organi. Questo in virtù dell’intesa sottoscritta fra la Polizia di Stato e l’Istituto Superiore di Sanità, che può proseguire con la Urus Performante da poco consegnata.

Sotto il cofano del modello, lo ricordiamo, batte un motore da 611 a 640 CV, per uno scatto da 0 a 100 km/h da 3,4 a 3 secondi e una velocità di 325 km/h. Dato il suo particolare uso nella zona anteriore trova spazio una speciale attrezzatura frigofox, dove caricare gli organi in situazioni d’emergenza. Inoltre, è sempre a disposizione un defibrillatore per il primo soccorso. Al di là degli inseguimenti dei malviventi, è adoperata pure con altre modalità, vedi l’eccellente lavoro compiuto con la signora, quando un mezzo comune non sarebbe probabilmente riuscito a coprire la distanza necessaria in tempo utile.

La Lamborghini Huracan delle Forze dell'Ordine mise in salvo una donna
Fonte: Ansa
La Lamborghini Huracan della Polizia salvò la vita a una donna

Nel febbraio 2023 il veicolo percorse un viaggio di oltre 700 km in meno di 5 ore, fino alle Molinette. Proprio qui la donna, 57 anni, ha ricevuto l’intervento chirurgico, in grado di salvarle la vita. Se ne occuparono l’équipe della Chirurgia Vascolare ospedaliera e della Clinica urologica, dirette rispettivamente dal dottor Aldo Verri e del professor Paolo Gontero. Appena completata l’operazione, cominciò immediatamente a funzionare nel modo corretto, riprendendo la propria funzionalità. Da tempo la paziente combatteva contro un’insufficienza renale cronica e grazie al supporto oggi può condurre una vita normale. Superato il brutto spavento, il compagno ha pensato di rendere onore e merito agli agenti, che, con il loro prezioso servizio, tengono le strade sicure e aiutano i cittadini in difficoltà.

Il sodalizio

Il sodalizio tra la Polizia di Stato e Lamborghini prosegue da vent’anni esatti. Nata nel 2024 con la Gallardo, la sinergia ha visto l’impiego di diverse supercar del Toro affidate alle Forze dell’Ordine. La velocità e l’affidabilità riconosciuta delle produzioni ha consentito di portare a compimento oltre 200 missioni del genere, assicurando la tempestiva consegna di organi e tessuti in centri trapianti lungo l’intera penisola. I veicoli sono spesso protagonisti anche di campagne di sensibilizzazione sui rischi associati alla guida spericolata.