VIDEO
Cerca video
FAI DA TE 14 DICEMBRE 2023

Come trovare i tubi nel muro

Ci sono situazioni in cui in un fabbricato, in vista di lavori particolari, si rende fondamentale effettuare la localizzazione delle condotte. Spesso gli edifici più storici e datati non dispongono di documentazione attestante la mappatura delle tubazioni.

4 strumenti efficaci

Per localizzare le condotte si può ricorrere a ben 4 strumenti differenti, tutti ugualmente efficaci. I metodi utilizzati oggigiorno sono:

  • l’indagine termografica;
  • l’ispezione con sonde elettriche;
  • la video ispezione;
  • la macchina del fumo, che permette di controllare l’esistenza delle ventilazioni/esalazioni e la corrispondenza tra ogni tubo e il proprio torrino.

Le termocamere

Questi strumenti rilevano il calore che viene emesso dai corpi e restituiscono visualizzazioni grafiche della differenza di temperatura sotto forma di immagine termica, cioè con macchie di colore differente in base ai gradi.

Per la mappatura dell’impianto, nei tubi si scorrere acqua ad una temperatura diversa da quella ambiente. Lo scarto termico è visualizzato come differenza cromatica e consente di localizzare esattamente il tubo.

Sonde

Le sonde sono costituite da cavi elettrici sottilissimi, che sono capaci di infilarsi anche nei pertugi e nei tubi più piccoli.

Questi cavi emettono segnali radio in differenti modalità: o in punta del cavo (ovvero alla fine del tubo sondato) o durante tutto il tragitto.

Il segnale emesso viene poi rilevato dal localizzatore, permettendo in questo modo di ricostruire il percorso compiuto dalla sonda.

Video ispezione classica

La video ispezione avviene inserendo nella tubazione videocamere endoscopiche apposite.

Un segnale radio emesso dalla punta della videocamera consente la ricostruzione dell’andamento della condotta in ogni sua diramazione. Contemporaneamente, la videocamera registra un filmato che mostra chiaramente il percorso.

Se necessario è possibile completare l’operazione col rilievo di tutto il fabbricato: specialmente per gli immobili che non dispongono di documentazione cartografica occorre riportare l’andamento delle tubazioni sulla planimetria dell’intero edificio.

Macchina del fumo

È uno strumento ulteriore per una localizzazione più precisa. Permette di verificare l’esistenza o meno e la funzionalità delle esalazioni/ventilazioni dell’impianto di scarico di un sistema di condotte in pressione.

La macchina viene posizionata nel punto di accesso noto più basso del tubo da analizzare. Azionato lo strumento, la propagazione spontanea del fumo consente di:

  • verificare che il tubo sia ventilato adeguatamente, osservando quanto fumo fuoriesce effettivamente dai punti di sfiato;
  • accertarsi del corretto funzionamento degli impianti di scarico ed evitare il ritorno di cattivi odori;
  • stabilire per ogni punto di accesso il torrino di uscita corrispettivo.

136.138 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...