VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 01 FEBBRAIO 2023

Metti il latte nel caffè? Ecco cosa devi sapere

Il cibo che ingeriamo ha determinate caratteristiche. Mangiare questo o quell’ingrediente ha i suoi effetti, più o meno positivi, sul nostro organismo. Giusto per fare qualche esempio, oggi sappiamo che mangiare carne rossa in quantità eccessiva può essere pericoloso. Oppure, di contro, abbiamo scoperto qualcosa di impensabile fino a qualche tempo fa: che il cioccolato, assunto nel giuste quantità, fa bene alla salute e non fa ingrassare come comunemente si credeva in precedenza, in quanto riduce lo stress causa dell’aumento di peso (ne avevamo parlato qui).

A volte la scienza in cucina arriva a sorprenderci ancor di più, soprattutto quando si parla di “accostamenti” tanto semplici e comuni per la maggior parte delle persone. È il caso del latte aggiunto al caffè. A dirla tutta, probabilmente nessuno fino ad oggi si era posto il problema legato alle proprietà di questo abbinamento a pochi minuti dal suono della sveglia e con una tazza di caffellatte fumante pronta per essere gustata.

Eppure, se aggiungi il latte nel caffè, devi sapere che stai facendo la cosa giusta. Una cosa normale, abitudinaria, ma estremamente azzeccata.

Latte e caffè: l’accoppiata vincente? I possibili effetti

Aggiungere ogni mattina del latte al caffè può avere un effetto antinfiammatorio per il corpo. Questo è dovuto alla presenza di specifici antiossidanti combinati con le proteine, che hanno un effetto inibitorio sull’infiammazione nelle cellule immunitarie. Da ciò gli studiosi sperano di poter approfondire gli effetti sulla salute degli esseri umani.

Ogni volta che batteri, virus e altre sostanze estranee entrano nel corpo, il nostro sistema immunitario reagisce dispiegando globuli bianchi e sostanze chimiche per proteggerci. Questa reazione è comunemente nota come infiammazione.

Una semplice tazza di caffè con latte, dunque, è un toccasana per il nostro organismo. Ma non tutti gli abbinamenti apparentemente semplici e insignificanti hanno gli stessi effetti positivi. Basti pensare al consumo eccessivo di pomodoro e basilico, tra gli ingredienti più amati della dieta mediterranea, che posso causare bruciori di stomaco, emicrania e allergie.

Il perché dell’effetto antinfiammatorio del binomio latte-caffè è, invece, una questione di scienza.

Lo studio sul latte e il caffè

Gli antiossidanti, noti come polifenoli, si trovano negli esseri umani, nelle piante, nella frutta e nella verdura, ma anche nel caffè. Sono noti per i loro effetti positivi, in quanto aiutano a ridurre lo stress ossidativo nel corpo che dà origine all’infiammazione. Accostati alle proteine, come quelle del latte, il loro effetto viene addirittura amplificato.

Lo studio è stato condotto dal Dipartimento di Scienze dell’Alimentazione, in collaborazione con i ricercatori del Dipartimento di Scienze Veterinarie e Animali dell’Università di Copenaghen. I ricercatori hanno applicato un’infiammazione artificiale alle cellule immunitarie. Alcune delle cellule hanno ricevuto varie dosi di polifenoli che avevano reagito con un le proteine, mentre altre hanno ricevuto solo polifenoli. Si è scoperto che le seconde erano due volte più efficaci nel combattere l’infiammazione rispetto alle cellule a cui sono stati aggiunti solo polifenoli.

“È interessante – ha affermato Andrew Williams, autore senior dello studio – aver osservato l’effetto antinfiammatorio negli esperimenti sulle cellule. Il prossimo passo sarà studiare gli effetti negli animali”.

28.445 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...