VIDEO
Cerca video
CURIOSITÀ 15 APRILE 2024

Ha un infarto e la Tesla lo porta all’ospedale: la storia incredibile in stile Supercar

Il settore delle auto è in continua evoluzione, ma c’è ancora diffidenza per quanto riguarda i modelli a guida autonoma. Spesso escono fuori notizie d’incidenti delle vetture più all’avanguardia, ma ciò che è accaduto nel North Carolina rivela un altro lato della medaglia: una Tesla è riuscita a salvare la vita al suo proprietario. L’uomo si è sentito male e si è affidato alla guida autonoma della sua Model Y per raggiungere l’ospedale a circa 20 km di distanza.

La storia di Max Paul Franklin

Max Paul Franklin è un produttore televisivo della Carolina del Nord e possiede una Tesla Model Y. Nella notte tra il 1° e il 2 aprile l’uomo si è trovato ad affrontare una situazione di emergenza. Alle prese con una grave disidratazione e un pericoloso sbalzo dei livelli di glicemia, arrivati a toccare il valore di 670 a causa di un malfunzionamento della pompa per l’insulina, e colpito anche da un lieve infarto, Franklin ha fatto affidamento solo sulla sua Tesla per raggiungere il prima possibile l’ospedale.

È salito a bordo e ha attivato la guida autonoma FSD V12, il sistema è un’evoluzione a pagamento dell’Autopilot, che viene fornito di serie su tutti i veicoli Tesla. L’auto ha percorso autonomamente circa 20 chilometri fino all’ingresso del pronto soccorso del Charles George Medical Center di Asheville, un centro medico per veterani delle forze armate, in North Carolina, senza richiedere alcun intervento da parte del proprietario. La vettura si sarebbe anche offerta “di parcheggiare in autonomia una volta arrivati così da permettermi di ricevere immediata assistenza medica” ha raccontato l’uomo in un post su X, poi rilanciato da Elon Musk. Grazie alle immediate cure del personale ospedaliero, l’uomo si è rimesso rapidamente dalla crisi glicemica e dall’attacco cardiaco.

Come funziona l’Autopilot di Tesla

L’Autopilot di Tesla è un evoluto sistema di assistenza al conducente che migliora la sicurezza e il comfort al volante. Se usato correttamente, alleggerisce il carico di lavoro complessivo del conducente. Ogni nuovo veicolo Tesla, come affermato sul sito ufficiale dell’azienda, è dotato di otto telecamere esterne e un potente sistema di elaborazione delle immagini per fornire un ulteriore livello di sicurezza. Model 3 e Model Y prodotte per i mercati europeo e mediorientale utilizzano ora il sistema Tesla Vision basato su telecamere, che non si affida a un radar ma alla suite avanzata di telecamere e alla elaborazione della rete neurale di Tesla per fornire l’Autopilot e le relative funzioni.

Nello specifico l’Autopilot consente di adeguare la velocità del veicolo a quella del traffico tramite il Cruise Control adattivo e, con il sistema di autosterzatura, fornisce assistenza durante le sterzate all’interno di una corsia chiaramente contrassegnata.

Quando arriva il Full Self Driving in Italia

Mentre negli Stati Uniti il 1° aprile Tesla ha fatto cadere la parola “beta” dal suo sistema di Guida autonoma completa (FSD) per tutti i suoi veicoli negli Stati Uniti, consentendo anche un periodo di prova di un mese, in Europa la situazione è un po’ più complicata. A fine 2023 Tesla ha affermato che la versione 12 del suo Full Self Driving sarebbe stata rilasciata anche nel Vecchio Continente in breve tempo.

La versione beta del Full Self Driving, sistema che, al massimo delle proprie potenzialità, può garantire una guida autonoma di Livello 4, è già testata da tempo in Australia e in alcuni Paesi europei, anche se su un numero limitatissimo di esemplari. Il problema in Europa è che questa tecnologia, per essere rilasciata come prodotto commerciale, ha bisogno di essere in regola con le normative locali ed essere approvata ufficialmente dalle autorità. Per questo motivo è probabile che ci sia ancora un po’ di tempo da aspettare prima che il Full Self Driving diventi operativo in Italia. Ma l’azienda di Elon Musk non smette di stupire e fare notizia, alcune volte anche a causa di bufale come quella del robot di Tesla che ha aggredito un ingegnere.

39.453 visualizzazioni
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...