VIDEO
Cerca video
CONSIGLI 27 MARZO 2024

Come arrostire carne senza fumo con il barbecue: i trucchi per la grigliata perfetta

Con l’avvicinarsi della stagione estiva, non c’è nulla di più invitante di un bel barbecue con amici e familiari per godersi una giornata all’aria aperta accompagnata da ottimo cibo. Ma attenzione, l’entusiasmo per una grigliata può essere frenato da tutto quel fumo, sia all’aperto che al chiuso, che rischia di infastidire gli ospiti e i vicini con l’odore di bruciato. Se desideri goderti un barbecue senza preoccuparti del fumo, ecco alcuni consigli pratici da seguire.

Come arrostire la carne con il barbecue senza fare fumo

Arrostire la carne con il barbecue senza fare fumo richiede una certa esperienza, che si basa su accorgimenti specifici per evitare che il fumo si diffonda.

Prima di tutto bisogna dedicare del tempo alla pulizia del barbecue, eliminando qualsiasi residuo di cibo o materiale che potrebbe bruciare durante la cottura e provocare fumo.

È consigliabile evitare l’utilizzo di liquidi infiammabili, soprattutto quando si cuoce al chiuso, optando invece per un gel combustibile a base di bioetanolo, meno suscettibile alla produzione di fumo e privo di odori sgradevoli.

Le ciminiere rappresentano un valido strumento per accendere il combustibile senza dover manipolare la carbonella e senza rischiare la formazione di fumo eccessivo.

La scelta del combustibile giusto riveste un ruolo fondamentale: preferire carbonella di qualità, come il carbone di legno ecologico, contribuisce a limitare la produzione di fumo durante la cottura.

Per evitare che il grasso coli direttamente sulla brace e provochi fumo, è consigliabile utilizzare una leccarda o un contenitore in alluminio.

La posizione del barbecue è un altro aspetto da considerare: è preferibile collocarlo in un luogo riparato dal vento, in modo da evitare che le folate possano disperdere il fumo e compromettere l’esperienza di grigliata.

Non da meno l’uso del coperchio, possibilmente dotato di sistema di areazione, che risulta efficace nel ridurre la produzione e l’emissione di fumo durante la cottura delle nostra carne e verdure arrosto.

I trucchi per eliminare gli odori dopo aver arrostito la carne

Lo sappiamo, arrostire carne al barbecue è un “hobby” delizioso, ma l’odore persistente può diventare fastidioso.

Dopo aver gustato una deliziosa grigliata perfetta, è comune che l’odore persistente si diffonda in cucina e nell’ambiente circostante, a volte rimanendo per giorni. Esistono però dei semplici trucchi che consentono di eliminare efficacemente questi odori sgradevoli, rendendo l’ambiente fresco e profumato.

Uno dei rimedi più efficaci è l’utilizzo del limone, un ingrediente versatile con potenti proprietà deodoranti. La combinazione di succo di limone e buccia di limone può essere utilizzata per neutralizzare gli odori. Aggiungi del succo di limone in una ciotola d’acqua e lascia bollire, oppure strofina la buccia di limone sugli utensili e sulle superfici per eliminare gli odori.

L’aceto è un altro alleato nella lotta contro gli odori sgradevoli. La sua acidità aiuta a spezzare le molecole responsabili degli odori persistenti. Puoi creare una soluzione diluita di acqua e aceto e spruzzarla nell’aria o sulle superfici per eliminare gli odori di carne arrostita.

Anche i chiodi di garofano o la cannella sono noti per il loro aroma intenso e le loro proprietà antibatteriche. Metti alcuni chiodi di garofano in un pentolino con acqua e lascia bollire per creare un profumo piacevole che mascheri gli odori sgradevoli.

41.358 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...