VIDEO
Cerca video
CONSIGLI 16 MARZO 2024

Fragole sempre fresche in casa: come si coltivano e quali sono i trucchi per farle crescere

Le fragole sono un frutto amato da grandi e piccini, dal sapore dolce e irresistibile. Ma perché non godersi la gioia di raccoglierle direttamente dal proprio orto o dal balcone di casa? Coltivarle è più semplice di quanto si possa pensare, sia nell’orto che in vaso, e offre la gratificazione di gustare frutti freschi e genuini.

Come si coltivano le fragole in vaso e nell’orto

La coltivazione delle fragole sia in vaso che nell’orto rappresenta un’attività gratificante e accessibile a tutti, anche a chi non dispone di ampi spazi verdi. In entrambi i casi, la scelta delle giuste tecniche e accorgimenti può fare la differenza tra una produzione abbondante e di qualità e un risultato deludente.

In vaso, le fragole possono essere coltivate con successo su balconi o terrazzi, grazie alla loro adattabilità e alla dimensione compatta delle piante. È importante selezionare vasi sufficientemente profondi, almeno 15 cm, e dotati di un buon drenaggio per evitare ristagni d’acqua dannosi per le radici. L’utilizzo di terriccio ricco di sostanza organica e la disposizione di un sottile strato di argilla espansa sul fondo del vaso favoriscono un ambiente di crescita ottimale.

Nell’orto, la coltivazione delle fragole richiede attenzione alla preparazione del terreno e alla disposizione delle piante. È fondamentale scegliere un luogo soleggiato ma riparato dai raggi più intensi, per evitare danni alle delicate piantine. Il terreno deve essere ben drenato e arricchito con materia organica, come letame maturo o compost, per garantire una crescita vigorosa e una produzione abbondante di frutti dolci e succulenti. La distanza tra le piante e la corretta disposizione delle file sono altri elementi da considerare per favorire lo sviluppo delle fragole e prevenire malattie e parassiti.

Qual è il periodo migliore per piantare le fragole

In generale, la fine dell’inverno rappresenta il momento ideale per avviare la semina o il trapianto delle piantine. Questo timing consente alle fragole di radicarsi bene prima dell’arrivo della stagione calda, offrendo loro la migliore opportunità di crescita.

Durante la fine dell’inverno, le condizioni climatiche tendono ad essere più miti e favorevoli alla crescita delle piante, consentendo loro di stabilizzarsi nel terreno e iniziare a sviluppare radici robuste. Questo periodo offre inoltre alle fragole il tempo necessario per adattarsi gradualmente all’ambiente esterno prima dell’arrivo delle temperature più calde e del sole più intenso.

Dove è meglio piantare le fragole: al sole o all’ombra?

Le fragole amano la luce solare, che è essenziale per favorire la fotosintesi e promuovere lo sviluppo sano delle piante. Però il sole troppo intenso può danneggiare le foglie e bruciare i frutti, riducendo la qualità complessiva della coltivazione. È consigliabile piantare fragole in zone che ricevono una buona quantità di luce solare diretta, ma che sono anche parzialmente ombreggiate durante le ore più calde della giornata. Attenzione quindi alle posizione e alle temperature, per via di alcuni problemi al riscaldamento globale ci sarebbero infatti problemi con le fragole italiane.

Ogni quanto bisogna annaffiarle con quanta acqua

Le fragole necessitano di una quantità adeguata di acqua per sviluppare radici robuste e favorire la crescita delle piante. È importante evitare di annaffiare eccessivamente, poiché il terreno troppo bagnato può causare marciume delle radici e malattie fungine.

In genere, è consigliabile annaffiare le fragole regolarmente, mantenendo il terreno costantemente umido ma non completamente inzuppato. Una buona pratica è quella di controllare il terreno con il dito: se risulta asciutto a circa un centimetro di profondità, è il momento di annaffiare. Durante i periodi più caldi e secchi potremmo accorgerci di avere delle fragole disidratate e potrebbe essere necessario aumentare la frequenza delle annaffiature, assicurandosi sempre di non lasciare il terreno completamente secco tra una irrigazione e l’altra.

40.535 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...