VIDEO
Cerca video
CONSIGLI 23 SETTEMBRE 2023

I trucchi per coltivare la salvia in casa e averla sempre fresca

La cucina è un luogo magico, dove gli ingredienti si trasformano in piatti deliziosi, e ogni erba aromatica aggiunge il suo tocco speciale. La salvia, con il suo profumo inconfondibile, è una di quelle spezie che non può mancare in casa. Ovviamente niente batte il gusto di foglie di salvia appena raccolte dal proprio giardino o da un vaso in casa. Vediamo quali sono segreti per coltivare la salvia in casa e mantenerla sempre fresca.

Come piantare e coltivare la salvia in vaso

La coltivazione della salvia in casa è un’opzione ideale per chi non ha un giardino o uno spazio esterno adeguato. Per iniziare, procurati un vaso di terracotta di dimensioni adeguate, preferibilmente con un buon drenaggio. La salvia ama il sole, quindi assicurati che il tuo vaso sia posizionato in un luogo dove riceva almeno 6-8 ore di luce diretta al giorno.

Per piantare la salvia, utilizza un terreno ben drenato e ricco di sostanza organica. Pianta i semi o le piantine di salvia a una profondità di circa 1 cm, lasciando uno spazio di almeno 30 cm tra ogni pianta. Annaffia bene dopo la piantagione e poi riduci gradualmente la frequenza delle annaffiature. Oltre alla salvia, potete coltivare l’aloe vera in casa, e beneficiare di tutte le sue magiche proprietà.

Dove metterla e quante volte bisogna annaffiarla

La salvia è una pianta resiliente e richiede poche cure, ma ci sono alcune cose importanti da tenere a mente. Posiziona il vaso in un luogo soleggiato, come una finestra esposta a sud o un balcone ben illuminato. L’irrigazione è fondamentale nelle prime fasi della crescita per stabilizzare le radici. Una volta che la pianta è stabilita, è meglio lasciarla asciugare tra un’annaffiatura e l’altra. Annaffiala solo quando il terreno è asciutto al tatto a una profondità di circa 2,5 cm. In genere, questo significa annaffiare la salvia una volta ogni 7-10 giorni.

Perché le foglie della salvia si arricciano o ingialliscono

Le foglie di salvia possono dare alcuni segnali quando non stanno bene. Se noti che le foglie si stanno arricciando verso l’alto o diventando gialle, potrebbe essere dovuto a un eccesso d’acqua. Assicurati di controllare il drenaggio del vaso e riduci la frequenza delle annaffiature se necessario. D’altra parte, se le foglie sembrano appassire o diventare secche, potrebbe essere dovuto a una mancanza d’acqua. In questo caso, aumenta leggermente la quantità di acqua fornita durante le annaffiature. Non solo la salvia, anche il basilico si secca e diventa giallo, per cui occorre seguire altri consigli per mantenerlo in buona salute.

Come essiccare le foglie di salvia fresche

Essiccare le foglie di salvia fresche è un ottimo metodo per conservarne il sapore e l’aroma tutto l’anno. Per farlo, raccogli le foglie di salvia quando sono al massimo della freschezza, di solito durante la mattina quando l’umidità è ancora bassa. Scuoti delicatamente le foglie per rimuovere qualsiasi sporco o insetto, quindi stendile su un vassoio in un luogo fresco e asciutto. Assicurati che le foglie non siano sovrapposte per garantire un’asciugatura uniforme.

Dopo circa una settimana, le foglie di salvia saranno completamente essiccate e potrai sbriciolarle in piccoli pezzi da conservare in un barattolo ermetico. Queste foglie essiccate mantengono il loro aroma e sapore per molti mesi, permettendoti di utilizzare la salvia in cucina anche quando non è più in stagione.

49.957 visualizzazioni
Chiudi
Caricamento contenuti...